29/09/2017 - 19:03

Nasce la Carta di Sostenibilità Agricola

Quest'oggi Bonifiche Ferraresi e il Gestore dei Servizi Energetici (GSE) hanno firmato un accordo che come obiettivo quello di migliorare l’efficienza energetica e la riduzione delle emissioni di biossido di carbonio delle imprese agricole.
La Carta di Sostenibilità nasce dall'esperienza di Bonifiche Ferraresi con Green Energy Farming, che porterà l’azienda, entro il 2018, a essere la prima sopra i 5500 di superficie agricola utile, energeticamente autonoma e carbon free.

Oggi, venerdì 29 settembre 2017, all'interno del Villaggio degli Agricoltori di Coldiretti a Milano, è stata sottoscritta la Carta di Sostenibilità Agricola. Si tratta della prima guida per misurare, e quindi migliorare, il livello di sostenibilità ambientale delle imprese agricole italiane.
Il progetto nasce grazie al Protocollo d’Intesa siglato da Bonifiche Ferraresi e GSE, la società del Ministero dell’Economia che promuove la sostenibilità ambientale attraverso l’efficienza energetica e le fonti rinnovabili. 

La Carta rappresenta la prima mappa degli standard per il settore agricolo mirati a determinare modelli di gestione responsabile di energia (elettrica, termica e combustibili), risorse idriche e di materie prime alla base delle attività delle aziende agricole.

Il Protocollo d’Intesa è stato siglato alla presenza Ministro delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Maurizio Martina, del Presidente di Legambiente Rossella Muroni, del Presidente di Coldiretti Roberto Moncalvo, dell’Amministratore delegato di Bonifiche Ferraresi Federico Vecchioni e del presidente del GSE Francesco Sperandini

“In Bonifiche Ferraresi abbiamo trovato un interlocutore qualificato e competente, con il quale sarà possibile individuare soluzioni, strumenti e buone pratiche da rendere disponibili all’intero mondo agricolo, composto di piccole e medie aziende”, ha commentato il Presidente del GSE Sperandini.

La Carta di Sostenibilità Agricola (CSA) consente di individuare modelli applicabili a ogni tipologia di impresa agricola (dalla piccola, alla media fino alla grande aziende attiva nel settore agroindustriale), per conseguire notevoli risparmi di energia elettrica e termica.

Il progetto verrà sviluppato in cinque ambiti specifici che vedranno interventi tecnici innovativi: 
1. efficienza agricola (pratiche agrotecniche volte alla riduzione dei combustibili fossili), 
2. gestione della risorsa idrica (irrigazione di precisione, sistemi drenanti, ecc), 
3. produzione di energia (fotovoltaico, biometano, solare termico, geotermico, ecc),
4. efficienza energetica e connettività (gestione razionale dell’energia e connessioni dati smart), 
5. gestione rifiuti (valorizzazione dei sottoprodotti agricoli, riuso, ecc). 

Questi cinque ambiti verranno sviluppati attraverso tre tavoli tecnici che corrispondono a tre macro aree di interventi:
1) “Tavolo Energia”: lo scopo è di garantire a Bonifiche Ferraresi piena autonomia in termini di approvvigionamento energetico, con particolare riferimento all’utilizzo di energia elettrica, energia termica e ai combustibili per il trasporto interno, divenendo, pertanto, la prima grande azienda agricola italiana basata sull’efficienza energetica ad emissioni zero;
 
2) “Tavolo Smart Grid”: l’obiettivo è di realizzare la prima microgrid rurale indipendente dalla rete elettrica nazionale. 
Ogni edificio rappresenterà una vera e propria “cella energetica”, capace, mediante un software dedicato, di produrre, stoccare, cedere o ricevere energia dalle altre strutture connesse in base alle esigenze interne;
 
3) “Tavolo Agricoltura sostenibile”: l’obiettivo è di incrementare l’efficienza agricola, ricorrendo a modalità operative evolute e sostenibili in grado di efficientare la gestione dinamica dei processi, alla luce delle effettive esigenze colturali e delle caratteristiche biochimiche e fisiche del suolo. 
Il miglioramento dell’efficienza agricola determinerà un minor utilizzo delle risorse primarie, a parità di resa, o l’incremento della resa stessa, a parità di utilizzo di input.

Nell’ambito del tavolo di lavoro Agricoltura Sostenibile, Bonifiche Ferraresi e il GSE si avvarranno per lo sviluppo della parte prettamente agricola del progetto Green Energy Farming, un progetto di Bonifiche Ferraresi che permetterà alla società di essere la prima azienda agricola sopra i 5500 ettari di SAU (Superficie Agricola Utile) in Italia ad essere 100% Carbon free entro la fine del 2018.

Il progetto Green Energy Farming è sviluppato con il supporto di alcuni importanti partner industriali e di processo delle attività di Bonifiche Ferraresi tra cui ricordiamo Coldiretti, Legambiente, Enel e Agri 2000.

Inoltre il progetto Green Energy Farming completa l’approccio generale di Bonifiche Ferraresi che vede l’agricoltura di precisione come tassello fondamentale per la sostenibilità ambientale delle attività dell’azienda. 

Oggi Bonifiche Ferraresi rappresenta, non solo in Italia, uno degli esempi più avanzati per l’agricoltura di precisione, cioè un insieme di processi che permettono di unire l’innovazione e la tradizione con l’obiettivo di preservare le fonti primarie (come quella idrica) attraverso la diminuzione degli sprechi, salvaguardare la produttività della terra attraverso cicli produttivi trasparenti e maggior tracciabilità, producendo alimenti di qualità superiore.

“La carta di Sostenibilità Agricola rende ancora più evidente quanto la valorizzazione della risorsa naturale sia un valore aggiunto per l’impresa anche sul tema della competitività sul mercato”, ha dichiarato Federico Vecchioni, amministratore delegato di Bonifiche Ferraresi

“Produrre meglio, usando in modo razionale e preciso gli elementi naturali come ad esempio l’acqua, è oggi attraverso i dettami dell’agricoltura di precisione una grande realtà che fa ormai parte del know how da noi sviluppato”, ha proseguito Vecchioni, concludendo che “Bonifiche Ferraresi grazie alla conoscenza del settore in ogni suo aspetto, non solo produttivo ma anche infrastrutturale, economico e tecnologico, fa dell’azienda il primo hub tecnologico italiano al servizio dell’agricoltura nazionale”.
Andrea Pietrarota
Direttore Responsabile

condividi su

Articoli correlati
  • Leggi
    01/01/2013 - 01:00
    Ambiente
    Agricoltura a basso impatto ambientale

    Anche in vista delle nuove direttive europee sui pesticidi, l'agricoltura deve dare un contributo alla diminuzione di queste sostanze nell'ambiente, introducendo nuove modalità per la lotta ai parassiti, ma anche cambiando le produzioni.

  • Leggi
    01/01/2013 - 01:00
    Ambiente
    "Coltivare" un'agricoltura sostenibile con il Wwf

    Dieci azioni green per "coltivare" la sostenibilità. E' il vademecum del WWF Italia per un'agricoltura sostenibile, rispettosa di biodiversità, risorse idriche e del clima, che a partire dallo scorso 8 ottobre fino al prossimo novembre l'associazione del Panda divulgherà con 4 workshop in diverse...

  • Leggi
    01/01/2013 - 01:00
    Ambiente
    "Agricoltura e filiere produttive: ecco la 'zona rossa' per la tutela dell'oro blu"

    L'uomo si appropria del 54% d'acqua dolce disponibile sul Pianeta. In Italia oltre il 60% è usato dall'agricoltura. 50 Oasi WWF su 120 tutelano ecosistemi d'acqua dolce. Il 28 marzo il WWF lancia il 'Water Risk Filter', strumento per mappare i bacini idrici mondiali e valutarne i rischi connessi...

  • Leggi
    01/01/2013 - 01:00
    Ambiente
    "L'agricoltura è salute, l'agricoltura è arte"

    Abbiamo tutti bisogno di bellezza e di armonia. Di una cultura che dia forma e salute alle persone, alle nostre città e ai nostri paesaggi. L'agricoltura ci può dare una mano. Ma l'agricoltura oggi ci chiede aiuto.