20/01/2016 - 12:59

Mozziconi di sigarette: multe da 30 a 300 euro per chi getta in terra le cicche

Chi getta in terra un mozzicone di sigaretta rischia una multa da 30 a 300 euro.

E' quanto prevede una disposizione inserita nel disegno di legge sulla Green economy, cosiddetto collegato ambientale alla legge di Stabilità, pubblicato sulla Gazzetta ufficiale del 18 gennaio scorso. L'articolo 40 del testo (che ha avuto un iter parlamentare lungo ben due anni) stabilisce che siano i Comuni "ad installare nelle strade, nei parchi e nei luoghi di alta aggregazione sociale appositi raccoglitori per la raccolta dei mozziconi dei prodotti da fumo", mentre spetta ai produttori di sigarette e al ministero dell'Ambiente attuare campagne di informazione per "sensibilizzare i consumatori sulle conseguenze nocive per l'ambiente derivanti dall'abbandono dei mozziconi". 
 
Ma il divieto non riguarda solo le cicche di sigarette: non dovranno essere abbandonati "sul suolo, nelle acque, nelle caditoie e negli scarichi" anche altre tipologie di rifiuti di piccole dimensioni, come scontrini, fazzoletti di carta e gomme da masticare. I proventi che deriveranno dalle multe verranno divisi al 50% tra le casse dei Comuni e un Fondo che finanzierà le attività di sensibilizzazione e l'installazione dei raccoglitori.
 
Secondo una recente ricerca messa a punto negli Stati Uniti ogni anno vengono disperse nell'ambiente ben 4.600 miliardi di mozziconi di sigarette, circa il75% del totale. Buona parte delle sostanze chimiche prodotte dalla combustione del tabacco resta nelle cicche e, vista l'enorme quantità di sigarette consumate ogni anno nel mondo, anche il piccolo mozzicone diventa un'importante fonte di inquinamento
 
Ma cosa contengono le sigarette per essere così dannose per l'ambiente? Il filtro delle sigarette è costituito da acetato di cellulosa, un materiale difficilmente degradabile (occorrono fino a circa 5 anni prima della completa degradazione). Su oltre 4.000 sostanze tossiche presenti nelle sigarette, una modesta parte resta nel filtro. La combustione del tabacco comporta l'immissione nell'ambiente di oltre 4.000 sostanze chimiche pericolose. Una certa quantità di queste sostanze sono presenti nel mozzicone di sigaretta: si tratta, ad esempio, di nicotina, benzene, ammoniaca, acido cianidrico e polonio-210, sostanze che possono avere effetti gravi sia per l'uomo sia per l'ambiente.
Rosamaria Freda
autore

condividi su

Articoli correlati