30/05/2016 - 12:28

Mondiali Sci 2021, con la Carta di Cortina anche gli sport invernali diventano "green"

Ridurre l'impronta ambientale del turismo e dello sport di montagna, anche in vista dei Mondiali di Sci 2021. E' questo l'obiettivo della Carta di Cortina sottoscritta dal ministero dell'Ambiente e dal comune della cittadina delle Dolomiti per disegnare un futuro green anche nel mondo degli sport invernali.
I contenuti del documento, uno strumento che promuove in maniera concreta e corale il turismo alpino sostenibile, anche in vista dell'imminente assegnazione dei Mondiali di Sci 2021, sono stati presentati nei giorni scorsi in una conferenza stampa a cui hanno partecipato, tra gli altri, il ministro dell'Ambiente, Gian Luca Galletti e il sindaco di Cortina Andrea Franceschi. 
 
Nel corso dell'incontro sono state rese note le inizative già in corso che mirano a potenziare l'efficienza delle risorse come acqua e suolo, a diminuire gli sprechi e a limitare le emissioni di gas serra e i costi energetici. E' stata avviata infatti la valutazione dell'impronta ambientale del Comune di Cortina, messo a punto uno studio del carbon footprint e water footprint di un impianto di innevamento artificiale e sono state elaborate le prime linee guida sulla sostenibilità del territorio. Il Comune sta inoltre dando vita a una serie di incontri formativi per i cittadini, gli studenti, i turisti, per promuovere l'educazione agli sprechi alimentari, in collaborazione con Last Minute Market.
 
"Il lavoro sulla Carta di Cortina si sta dimostrando serio e prezioso. Oggi la Regina delle Dolomiti deve vincere la sfida della sostenibilità: i progetti partiti sono strategici per ridurre gli impatti inquinanti e il consumo di risorse, specie durante la stagione di massimo afflusso turistico" ha detto in ministro Galletti nel corso della conferenza stampa. "Fondamentale è la sperimentazione delle buone pratiche negli alberghi, visto che sempre più i clienti, italiani e stranieri, indirizzano le loro scelte su strutture eco-friendly" ha aggiunto il ministro.
 
Galletti ha poi ricordato gli interventi messi a punto dal governo sul versante della sostenibilità ambientale come il Conto Termico che partirà a fine mese, con 700 milioni per incentivare gli interventi di efficienza energetica privata. Il traguardo a cui puntare, ha aggiunto il ministro, è quello dei Mondiali di Sci Alpino del 2021, che anche grazie ai contenuti della Carta di Cortina dovrà essere all'insegna del rispetto e della tutela dell'ambiente . 
 
"Il supporto del ministero dell'Ambiente e il dinamismo dei firmatari della Carta, che hanno partecipato a questa conferenza stampa, sono una grandissima opportunità che Cortina deve sfruttare al meglio. In questo progetto stiamo coinvolgendo in primis — con una forte attività di sensibilizzazione sui temi della sostenibilità ambientale — le scuole e gli studenti. E l'obiettivo è quello di continuare con incontri rivolti allo stesso Municipio, che interesseranno i dipendenti, e con appuntamenti dedicati ai cittadini e alle categorie economiche" ha concluso il ministro.
 
"Nel futuro sarà inoltre previsto un coinvolgimento attivo delle università per la progettazione di interventi che abbiano a tema, principalmente, la sostenibilità per gli sport invernali. Insomma, promuoviamo e partecipiamo con convinzione a questi incontri informativi. Lo sviluppo di Cortina, non solo in ottica 2021, è indissolubilmente legato a questa strada" ha aggiunto il sindaco di Cortina Andrea Franceschi.
 
"L'assegnazione dei Mondiali 2021 non è ancora ufficiale, ma siamo speranzosi. Nello statuto della nostra Fondazione c'è una serie di valori, tra cui il rispetto dell'ambiente. Un impegno quindi giuridico, che abbiamo inserito anche nel dossier della candidatura ai Mondiali, e che si traduce in azioni concrete come l'utilizzo di navette e mezzi di trasporto ecologici, accordi con l'Associazione Albergatori Cortina d'Ampezzo per modernizzare le strutture con soluzioni green e tecnologicamente avanzate, la creazione di piste che saranno utilizzabili anche successivamente per scopi turistici" ha precisato Paolo Nicoletti, amministratore delegato della Fondazione Cortina 2021. 
 
Ma non è tutto, anche la Federazione italiana sport invernali (Fisi) darà il suo supporto alla "causa" della Carta attraverso i propri atleti. "Siamo l'unica federazione che opera in ambiente montano, e conosciamo bene le difficoltà che possono riguardare questo tipo di territorio anche a livello ambientale" ha detto Flavio Roda, presidente Fisi."Pertanto con piacere vogliamo dare il nostro contributo nella realizzazione degli obiettivi della Carta di Cortina. A fine ottobre saremo alla fiera Skipass di Modena e dedicheremo uno spazio del nostro stand al ministero dell'Ambiente. Vogliamo fare arrivare il messaggio che l'ambiente montano va tutelato ma anche utilizzato, e le due cose non si escludono assolutamente a vicenda" ha concluso Roda. 
Rosamaria Freda
Direttore Editoriale

condividi su