08/03/2017 - 12:58

Mobilità elettrica: Barilla sceglie l'ibrido per le auto aziendali

Il rinnovo del parco auto aziendale del Gruppo di Parma è iniziato introducendo 83 nuovi veicoli ibridi, in linea con la propria missione “Buono per Te, Buono per il Pianeta”. Presso la sede centrale Barilla di Pedrignano (Parma)è stata installata la più grande stazione italiana per la ricarica di auto elettriche, a conferma dell’impegno dell’azienda per le persone e per l’ambiente.
mobilità elettrica
Barilla rinnova e migliora il proprio parco auto aziendale in Italia con 83 nuovi veicoli a tecnologia ibrida, ovvero con motore termico ed elettrico integrati. I nuovi modelli consentiranno di ridurre le emissioni inquinanti di CO2 di quasi il -40%, in linea con la missione aziendale “Buono per Te, Buono per il Pianeta”. La percentuale di riduzione è stata calcolata confrontando l’impatto ambientale delle 83 auto prima-dopo (auto non ibrida vs. auto ibrida), evidenziando una riduzione di circa 165 tonnellate di emissioni di CO2 l’anno, pari alla CO2 assorbita in un anno da più di 8.000 alberi. Altri modelli saranno introdotti in sostituzione dei contratti di noleggio in scadenza. Con questa iniziativa Barilla vuole contribuire alla riduzione dell’inquinamento atmosferico e degli impatti negativi che ne derivano sulla salute delle persone. Al riguardo la Commissione Ue ha aperto la seconda fase della procedura di infrazione per inquinamento nei confronti dell’Italia e di altri Stati membri.

BEN 31 COLONNINE ELETRICHE DI RICARICA: È LA STAZIONE PIÙ GRANDE D’ITALIA
Le auto ibride plug-in, così come le auto elettriche, necessitano di un impianto per la ricarica, ragion per cui nella sede Barilla di Pedrignano (Parma), dove è concentrata la gran parte del parco auto aziendale, sono stati installatiben 31 punti di ricarica, che ne fanno la più grande stazione italiana.

OLTRE IL 70% DELLE NUOVE AUTO UTILIZZANO LA TECNOLOGIA “PLUG-IN”
I veicoli sono stati selezionati in base alle attuali disponibilità del mercato e comunque tali da garantire elevati standard in termini di sicurezza e comfort.Le auto ibride saranno essenzialmente di due tipologie:ibride e ibride plug-in (56, la maggior parte). La nuova proposta ha trovato la soddisfazione da parte dei manager Barilla, considerata la possibilità di usufruire di auto più “ecologiche”.

MERCATO DELL’AUTO ELETTRICA IN FORTE CRESCITA
Il mercato dell’auto ibrida ed elettrica è un mercato in divenire, ma che rappresenta il futuro dell’auto e dei trasporti. Evidenza ne è anche il fatto che molti Comuni stanno realizzando il “sistema distribuito di ricarica”, installando colonnine di ricarica in vari punti delle città e autorizzando l’ingresso ai centri storici a pochi tipi di autovetture. Fra queste, le auto elettriche non hanno alcuna restrizione.


Marilisa Romagno
autore

condividi su

Articoli correlati
  • Leggi
    11/12/2015 - 18:30
    Mobilità
    #IoSonoElettrica: Cristina Chiabotto firma la mobilità del futuro

    Vetture ibride ed elettriche rappresentano la mobilità del futuro e la Classe B Electric Drive è bella, divertente da guidare e rispettosa dell'ambiente, l'auto perfetta per me", con queste parole Cristina Chiabotto diventa la madrina di #IoSonoElettrica, il tour 100% elettrico di Mercedes-Benz che...

  • Leggi
    24/07/2014 - 16:30
    Mobilità
    Bergamo sostiene la mobilità elettrica

    Bosifil Spa sceglie Scame Parre per la ricarica della prima BMW I3 elettrica italiana. Le due aziende bergamasche hanno in comune una lunga tradizione imprenditoriale, ma anche un occhio di riguardo per l'innovazione e la sostenibilità ambientale.

  • Leggi
    13/09/2013 - 18:00
    Mobilità
    Cresce la mobilità elettrica in Umbria

    Sottoscritto il protocollo d'intesa tra Enel, Regione Umbria e tredici Comuni per dotare il territorio di infrastrutture di ricarica innovative, valorizzando anche dal punto di vista ambientale i circuiti turistico-religiosi, che ogni anno registrano centinaia di migliaia di visitatori.