23/03/2022 - 19:18

Milano: inaugurato il “Cyberpunk Parrot”, il murale mangia-smog di Liquigas

Con il Patrocinio del Comune di Milano, oggi Liquigas ha presentato alla cittadinanza il suo Cyberpunk Parrot, il murale “mangia-smog”, premio speciale del contest creativo del suo progetto educativo “1, 2, 3…Respira!”. L’opera è stata realizzata da un giovane street-artist e ispirata dai lavori degli studenti del progetto, che hanno espresso in maniera artistica l’esigenza di un futuro libero dalle sostanze inquinanti.

murales mangia smog

Proprio per continuare ad essere vicina ai giovani e contribuire a migliorare l’ambiente in cui vivono, Liquigas ha scelto di realizzare il murale nell’area giochi Cesare Pagani a Dergano, un quartiere già oggetto di rinnovo dell’arredo urbano da parte dell’Amministrazione cittadina. Milano, al centro dell’attenzione mondiale dalla Pre-Cop-26, è oggi un riferimento simbolico della necessità di agire in modo strutturale: dall’inizio dell’anno i principali parametri di rilevamento delle polveri sottili hanno registrato incrementi incessanti. Fattori che incidono negativamente non solo sull’ambiente ma anche sulla salute dei cittadini. Il murale di Liquigas rappresenta la volontà di portare la voce e le necessità dei giovani italiani all’attenzione del mondo e contribuire alla riqualificazione dei quartieri in cui trascorrono la loro quotidianità.

Un’iniziativa concreta che unisce gli sforzi dei tanti attori del mondo del business, delle istituzioni e della cittadinanza attiva per contrastare gli effetti negativi dell’inquinamento dell’aria, tra le principali cause di malattie e decessi fra i giovani. Le vernici utilizzate contribuiranno infatti ad assorbire fino al 65% dei gas nocivi presenti nell’aria e a trasformarli in sostanze a basso impatto ambientale, che verranno eliminate grazie all’acqua e alla pioggia.

“Sappiamo benissimo che il cammino che dobbiamo fare è impegnativo ma è fondamentale iniziare da gesti concreti che diano il segno del cambio di passo per le nuove generazioni. Liquigas è un player di soluzioni energetiche a basso impatto ambientale e questo è il nostro ruolo per costruire un futuro più sostenibile ma il nostro impegno è volto a favorire una più stretta collaborazione con le istituzioni fortemente impegnate, come quella del Comune di Milano, per il bene di tutte le comunità”, Andrea Arzà, Amministratore Delegato di Liquigas.

“Il Comune ha da poco approvato Il Piano Aria Clima, uno strumento, a tutela della salute e dell’ambiente, finalizzato a ridurre l’inquinamento atmosferico e ad affrontare l’emergenza climatica attraverso la riduzione delle emissioni di CO2 sino al 45% entro il 2030: una risposta concreta per migliorare il benessere di chi vive nella nostra città. Oggi siamo qui a Dergano e questo è l’esempio concreto che la ripartenza passa dalla riqualificazione “a misura di ragazzi”: non solo un nuovo arredo urbano ma un’attenzione estetica che esprime la sensibilità e le esigenze della comunità che vive il quartiere. Siamo molto felici di donare ai cittadini un murale come questo che ci ricorderà, passando di qui, come sia fondamentale il contributo tra Amministrazione, imprese e singoli cittadini per realizzare insieme una Milano sempre più attenta alla qualità dell'aria e all'ambiente”, Elena Eva Maria Grandi, Assessore all’Ambiente e al Verde del Comune di Milano.

Il murale è stato realizzato da Alessandro Breveglieri, giovane street artist che ha scomposto il ritratto di un pappagallo intermezzandolo con una maschera antigas - soggetti scelti dalla classe vincitrice del contest di “1,2,3… Respira!”. Il focus si concentra sulla figura dell'animale lasciando solo intuire la presenza di un elemento “meccanico”. La natura incontra simbolicamente l’inquinamento generato dall’uomo, creando un'immagine nuova e distopica. L'opera invita a riflettere affinché l’osservatore prenda coscienza della “minaccia alla bellezza del futuro”. Un messaggio che diventa una vera e propria call to action per migliorare la qualità dell’aria, riassunta nella frase “Questo futuro ci toglie il respiro” e volta a stimolare l’azione individuale e collettiva per preservare l’ambiente.

Il murale è stato dipinto con Solarya 65, l’innovativo rivestimento silossanico per esterni autopulente e antinquinamento della linea Painting Natural di Boero, punto di riferimento per il mondo dell’architettura in tema di colore: le pitture, a base di nanotitanio fotocatalitico con caratteristiche di bassa ritenzione dello sporco ed eccellenti proprietà autopulenti, purificheranno l’aria con cui vengono in contatto, trasformando fino al 65% dei gas nocivi presenti in sostanze a basso o nullo impatto inquinante, conservando nel tempo le cromie nella loro vividezza originale.

Tommaso Tautonico
autore

condividi su

Articoli correlati