15/04/2021 - 17:41

Mellin, 9mila nuovi alberi per compensare 9mila tonnellate di CO2 nel 2020

Continua l’impegno di Mellin sul territorio italiano per riqualificare e restituire aree verdi alle famiglie. Nel 2020 l’attività ha permesso di compensare 9mila tonnellate di emissioni derivanti dalla produzione del packaging.

 

Mellin, tonnellate di CO2

Ridurre l’impatto ambientale della produzione del materiale e del fine vita del packaging attraverso la messa a dimora di nuovi alberi e riforestare aree al servizio delle famiglie e delle comunità locali. Questo è l’obiettivo del progetto “Più alberi per più bambini” di Mellin, che nel 2020 ha compensato oltre 9mila tonnellate di CO2. Ad oggi sono ben 9.000 gli alberi già messi a dimora in Italia da Mellin nell’ambito della Campagna Nazionale Mosaico Verde, ideata e promossa da AzzeroCO2 e Legambiente per sensibilizzare sull’importanza di un futuro più verde e con più bambini. Nel 2021 Mellin proseguirà nel suo impegno riforestando altre due località italiane, scelte dai genitori attraverso un contest on line: il Parco del Vesuvio a Ottaviano, nell’area metropolitana di Napoli, e il Parco della Cellulosa a Roma. 

“Mellin è da sempre vicina alle famiglie e le accompagna nella crescita dei propri figli. È proprio immaginando il futuro dei più piccoli che abbiamo pensato ad un progetto dedicato al benessere del nostro pianeta e alla salute delle persone che lo abitano - afferma Fabrizio Gavelli, General Manager Danone Specialized Nutrition Sud Europa - Come azienda B Corp, crediamo in un nuovo modello di business, che coniuga la creazione di valore economico con la realizzazione del bene collettivo. Con il progetto "Più alberi per più bambini", Mellin si impegna a compensare l’impatto ambientale del proprio packaging nell’immediato ma anche a rigenerare aree verdi e spazi idonei per il gioco e il tempo libero. Un pianeta più verde e, ci auguriamo, con sempre più bambini”.

Secondo le stime della Commissione Europea le emissioni di CO2 in atmosfera da sole sono responsabili del 63% del riscaldamento globale causato dall'uomo e dei cambiamenti climatici già in atto. Le piante sono la più grande “tecnologia” messa a disposizione dalla natura per catturare la CO2 e per accrescere il patrimonio forestale creando habitat a tutela della biodiversità della flora e della fauna e la stabilizzazione del suolo.

“Le azioni volte alla tutela e alla ricostituzione del nostro patrimonio forestale sono fondamentali per contrastare la crisi climatica in atto e arginare la perdita di biodiversità - dichiara Sandro Scollato, Amministratore Delegato di AzzeroCO2 - Quello che stiamo realizzando con Mellin, attraverso la campagna Mosaico verde, è un progetto di alto valore che pone al centro il benessere della collettività e il futuro delle nuove generazioni.”

Nel 2020 il progetto ha permesso di riforestare un’area del Parco Piemonte a sud di Torino, il Parco dei Gonzaga, Parco Enzo Baldoni e Parco Monsignor Cocconcelli nella città di Reggio Emilia e il Parco Nazionale dell’Alta Murgia in provincia di Bari, tutte aree che hanno aderito alla campagna nazionale Mosaico Verde. Gli interventi sono stati certificati da UNITUSCIA, l’Università degli studi della Tuscia, in qualità di ente terzo e, insieme ad un progetto internazionale di produzione di energia da biomassa in Thailandia, hanno generato crediti di carbonio validi per la compensazione delle emissioni di CO2 derivanti da tutto il packaging Mellin.

Gli interventi di forestazione certificati sono stati preceduti da un primo progetto pilota di rigenerazione di un’area di Milano, di fronte all’Ospedale San Paolo, promosso da Mellin per il lancio dell’iniziativa “Più alberi per più bambini”, in collaborazione con il Comune di Milano. Il progetto “Più alberi per più bambini” si ispira alla filosofia della Parental Policy di Mellin, una piattaforma aziendale che supporta mamme e papà nella gestione ottimale dell’equilibrio famiglia-lavoro. Supportare la natalità e le famiglie significa infatti anche pensare al futuro del pianeta in cui questi bambini cresceranno: per questo Mellin si impegna a lavorare anche per un ambiente sempre più idoneo ad accogliere nuove famiglie.

Marilisa Romagno
autore

condividi su