14/12/2016 - 15:22

Lotta all’evasione fiscale, la Guardia di Finanza di Pistoia sequestra beni per 8,5 mln a noto imprenditore

La Guardia di Finanza di Pistoia ha sequestrato beni per 8,5 mln di euro ad un noto imprenditore della zona.

Continua il lavoro di lotta all’evasione fiscale da parte della Guardia di Finanza di Pistoia.
pistoia_sequestro_gf
Questa mattina le Fiamme Gialle, su richiesta del Procuratore della Repubblica di Pistoia, Paolo Canessa, hanno eseguito una misura di prevenzione patrimoniale antimafia per un valore complessivo di oltre 8,5 milioni di euro.

Il provvedimento ha riguardato il titolare di una nota azienda di Montemurlo, in provincia di Pistoia, fallita nel 2006, leader nella produzione di elettrodomestici. Il titolare è V.L., 85 anni, a cui sono stati sequestrati numerosi immobili nelle province di Pistoia, Prato, Firenze e Siena. Tra questi una villa di 31 vani con piscina e parco privato, nonché partecipazioni societarie per oltre 200.000 euro.

Il patrimonio sequestrato è frutto delle condotte illecite perpetrate nel corso del tempo da parte dell'imprenditore, spiega una nota del Comando provinciale della Guardia di Finanza. A far partire le indagini è stata la evidente e notevole sproporzione tra i redditi dichiarati dalla famiglia ed il valore effettivo dei beni.  Nel corso del tempo l’imprenditore e i suoi famigliari si sono resi infatti “responsabili di reiterate condotte illecite elusive della normativa tributaria e degli obblighi contribuiti, nonché della normativa in materia di reati fallimentari (bancarotta fraudolenta) perpetrate attraverso la gestione diretta ed indiretta di numerose persone giuridiche aventi sede nel territorio nazionale” precisa il Comando della Guarda di Finanza pistoiese. 

L’attività svolta si inquadra in una “più ampia strategia che, basata sul coordinamento dell’autorità giudiziaria permette di contrastare a 360° il fenomeno dell’evasione fiscale ed il conseguente illecito arricchimento anche attraverso l’applicazione della normativa antimafia”, concludono le Fiamme Gialle.

Rosamaria Freda
Direttore Editoriale

condividi su