06/12/2016 - 16:57

Legge di Bilancio 2017: voto di fiducia al Senato. Via libera già domani

La legge di Bilancio per il 2017 potrebbe essere approvata già domani dall'Aula del Senato. Senza emendamenti e con la fiducia posta dal governo.

La legge di Bilancio 2017 potrebbe essere approvata già domani, senza nessuna modifica rispetto al testo attuale, licenziato dalla Camera.
legge_bilancio_2017
 A deciderlo è stata la conferenza dei capigruppo di palazzo Madama per semplificare ed accelerare l’approvazione della manovra dopo le dimissioni di Matteo Renzi e la richiesta del presidente della Repubblica di congelarle proprio in vista del via libera alla legge di Bilancio 2017. Il voto sulla manovra avverrà dunque direttamente nell’Aula con la fiducia posta dal governo sul provvedimento, che dunque a tutti gli effetti è stato blindato.

Ricordiamo che, in tema ambientale, la manovra, tra le altre disposizioni, prevede l’istituzione di un fondo destinato a finanziare interventi in materia di difesa del suolo, dissesto idrogeologico, risanamento ambientale e bonifiche e un Piano strategico nazionale della mobilità sostenibile

La legge stanzia inoltre le risorse per gli interventi di riparazione,  ricostruzione e assistenza alla popolazioni colpite dal sisma  del 24 agosto 2016 e per la ripresa economica nei territori interessati. Per raggiungere questi obiettivi il provvedimento autorizza la spesa di: 100 milioni di euro per l’anno 2017 e 200 milioni di euro annui dall’anno 2018 all’anno 2047, per la concessione del credito d’imposta maturato in relazione all’accesso ai finanziamenti agevolati, di durata venticinquennale, previsti per la ricostruzione privata, 200 milioni di euro per l’anno 2017, 300 milioni di euro per l’anno 2018, 350 milioni di euro per l’anno 2019 e 150 milioni di euro per l’anno 2020 per la concessione dei contributi per la ricostruzione pubblica. 

La manovra infine interviene sull’attuale disciplina riguardante le detrazioni per le spese relative ad interventi di riqualificazione energetica, recupero edilizio e misure antisismiche. E’ prorogata fino al 31 dicembre 2017 (31 dicembre 2021 per gli interventi relativi a parti comuni degli edifici condominiali o che interessino tutte le unità immobiliari del singolo condominio) la misura della detrazione al 65 per cento per le spese relative ad interventi di riqualificazione energetica degli edifici (il cosiddetto ecobonus). Gli interventi che interessino l’involucro dell’edificio e quelli finalizzati a migliorare la prestazione energetica beneficiano di una maggiorazione. 

Rosamaria Freda
Direttore Editoriale

condividi su