12/09/2019 - 16:40

La sostenibilità è il nuovo motore dell’industria italiana del Mobile

Arredamento, Made in Italy e Green Economy.

Cultura, creatività e bellezza sono da sempre gli elementi distintivi del Made in Italy: i principi della green economy sono ora il nuovo fattore competitivo, in grado di dare nuova linfa alle 79 mila imprese attive nel settore dell'arredamento. Un concorso indetto da FSC® Italia premia le più virtuose nel segmento arredi per interni.

FSC label legno certificato
Legno-arredo, +12,5% di prodotti certificati FSC: è la sostenibilità nuovo motore dell'industria italiana del mobile.

È la sostenibilità la marcia in più dell’industria del Mobile italiana. Dalla progressiva eliminazione di materiali e sostanze tossiche, all’investimento in energie rinnovabili per gli impianti produttivi, fino alla scelta di materia prima sostenibile, negli ultimi anni molte aziende nel nostro Paese hanno imboccato la svolta green.
Con un surplus di quasi 10 miliardi, l'industria italiana del legno-arredo occupa il secondo posto nella classifica internazionale (fonte: Sole 24 ore): l'Italia è il primo esportatore europeo del settore (con il 30% del totale esportato dall'UE) e le scelte ambientali svolgono un ruolo strategico nell’aumentare export, innovazione e competitività.

Il legno da fonti certificate e sostenibili è una delle chiavi di volta di questo successo. Lo dicono anche i dati del Forest Stewardship Council® (FSC), l’organizzazione non governativa e no-profit che promuovere in tutto il mondo una gestione responsabile delle foreste. Con 432 certificati di Catena di Custodia su un totale di 2.434 certificati registrati in Italia (il 17,7%), il legno-arredo è infatti uno dei segmenti più attivi e quello con il maggiore tasso di crescita (+12,5%).
L’Italia è inoltre il primo Paese d’Europa e il secondo al mondo per numero totale di certificazioni di filiera FSC: la Catena di Custodia (CoC, Chain of Custody) garantisce il mercato circa la provenienza della materia prima utilizzata nei prodotti, dimostrando in maniera corretta, trasparente e controllata l’attivo contributo dell’impresa alla gestione forestale responsabile.

 “La sostenibilità sta diventando un asset strategico per queste aziende - spiega il Direttore di FSC Italia, Diego Florian e grazie al suo sistema di certificazione, FSC è in grado di garantire la trasparenza lungo la catena di approvvigionamento, promuovendo filiere responsabili e coinvolgendo fornitori e clienti”.

In questo contesto, assume quindi un valore particolare la prima edizione dell’FSC Italia Furniture Award, che premia le aziende “top” del comparto legno-arredo per interni e stimola architetti, designer e industrie a progettare e produrre oggetti in legno da fonti sostenibili e certificate.

La premiazione  del concorso - patrocinato da WWF Italia, Associazione per il Disegno Industriale, Federlegno Arredo e CSIL e promosso in collaborazione con Koinetica e AzzeroCO2 – si terrà il 27 settembre a Milano, nel corso della Green Week. Saranno assegnati otto premi per altrettante categorie, più due premi speciali per comunicazione e politiche di responsabilità sociale d’impresa.
L’evento rientra all’interno delle celebrazioni dell’FSC Friday 2019, la giornata della gestione forestale responsabile, celebrata ogni anno a livello mondiale l’ultimo venerdì di settembre.


Il Forest Stewardship Council (FSC)
Creato nell’ottobre 1993, il Forest Stewardship Council (FSC) è un’organizzazione non governativa e no-profit che include tra i suoi 900 membri internazionali gruppi ambientalisti (WWF e Legambiente) e sociali, comunità indigene, proprietari forestali, industrie che lavorano e commerciano il legno e la carta, gruppi della grande distribuzione organizzata, ricercatori e tecnici, che operano insieme allo scopo di promuovere in tutto il mondo una gestione responsabile delle foreste. L’ONG è governata da un organo decisionale sovrano, l’Assemblea Generale dei Soci, suddiviso in 3 Camere (Sociale, Ambientale ed Economica), con eguale potere di voto.

FSC Italia nasce nel 2001 come associazione no-profit, in armonia con gli obiettivi di FSC International. Anche in Italia il marchio FSC ha assunto un ruolo di primo piano nel mercato dei prodotti forestali quali legno, carta e prodotti non legnosi (come ad esempio il sughero), collocando il nostro Paese al terzo posto nella classifica internazionale di certificazioni FSC della Catena di Custodia (Chain of Custody, CoC). FSC si propone come punto di riferimento nella legalità e sostenibilità della filiera legno-carta, in accordo con i più attuali standard di gestione responsabile della risorsa forestale.

Il marchio FSC identifica i prodotti contenenti legno proveniente da foreste gestite in maniera corretta e responsabile secondo rigorosi standard ambientali, sociali ed economici. La foresta di origine viene infatti controllata e valutata in maniera indipendente in conformità a questi standard (principi e criteri di buona gestione forestale), stabiliti ed approvati dal Forest Stewardship Council International tramite la partecipazione e il consenso di tutte le parti interessate.

Andrea Pietrarota
Direttore Responsabile

condividi su

Articoli correlati