24/11/2014 - 00:22

La plastica verso l'obiettivo europeo di riciclare l'80% dei rifiuti di imballaggio entro il 2030

Chi progetta, produce o utilizza imballaggi non può esimersi dal considerare il contesto locale di raccolta, selezione e riciclo in cui l'imballaggio verrà gestito a fine vita. Se tale contesto non è pronto ad accogliere un determinato imballaggio, seppur innovativo sotto altri aspetti, chi decide comunque di adottarlo dovrebbe assumersene i costi (attualmente a carico della comunità) secondo i principi europei di “chi inquina paga” e di “responsabilità estesa del produttore”.

La commissione Europea ha adottato lo scorso luglio alcune proposte intese a sviluppare un'economia più circolare in Europa e a promuovere il riciclaggio negli Stati membri.

Le misure proposte prevedono il riciclaggio del 70% dei rifiuti urbani e dell'80% dei rifiuti di imballaggio entro il 2030 e, a partire dal 2025, il divieto di collocare in discarica i rifiuti riciclabili.

Per arrivare a raggiungere l'obiettivo di legge del 50% di riciclo al 2020 è prioritario intervenire sulla plastica che, in assenza di interventi incisivi difficilmente centrerà il primo obiettivo in vista ed i successivi.

In Europa si usano ogni anno circa 20.000.000 di tonnellate di plastica per produrre imballaggi che costituiscono il 40% del totale in peso di tutta la plastica immessa sul mercato.

L'Italia, nonostante la consolidata expertise del settore del riciclo della plastica, e le eccellenze produttive di tecnologie correlate, non si discosta troppo come percentuale di riciclo dal 26% della media europea.

Questo significa che BUTTIAMO circa il 75% delle plastiche tra discariche ed inceneritori, per poi doverle acquistarle nuovamente all'estero, noncuranti del potenziale occupazionale del settore che più studi hanno evidenziato negli anni.

Un recente studio di Bio Intelligence Services ha quantificato in 360.000 in Europa e 47.000  in Italia i posti di lavoro che verrebbero creati nel settore aumentando dal 26% al 62% la percentuale di riciclo.

Andrea Pietrarota
Direttore Responsabile

condividi su

Articoli correlati