24/01/2020 - 14:05

La juta: caratteristiche e vantaggi di un tessuto 100% naturale

Tessuti bio.

C'è un tessuto composto da fibre totalmente naturali e che possiede un numero enorme di vantaggi e possibili applicazioni per le aziende e la vita di tutti i giorni: parliamo della juta che, in tempi di profonda maturazione verso le tematiche ambientali e i concetti di efficienza e sostenibilità, rappresenta un alleato prezioso e da conoscere. 

sacchetto in juta
Dalle sue caratteristiche ai possibili utilizzi, ecco tutto ciò che occorre sapere sulla juta.

Cos'è la juta?
Conosciuta anche come "iuta" o "corcoro", la juta è una fibra totalmente naturale, essendo realizzata a partire dal fusto di una pianta che cresce in ambienti umidi: parliamo del Chorcorus, appartenente al genere delle Malvacee (da cui derivano, ad esempio, altri tessuti bio come la canapa e il lino), la cui produzione è molto diffusa soprattutto nella penisola indiana, oltre che in Cina, Sud-Est Asiatico, Nepal e Bhutan. 

Essendo il frutto della lavorazione di un tessuto vegetale, la juta è completamente ecologica, riciclabile e biodegradabile. La sua coltivazione, infatti, è abbastanza semplice e non richiede l'impiego di concimanti chimici o di altri interventi da parte dell'uomo che possono compromettere lo stato di salute della biosfera.

Le fibre che si ricavano da questa pianta hanno un caratteristico riflesso lucente, per cui sono conosciute anche come "fibre d'oro"; dopo l'estrazione, il filato si presenta ruvido al tatto, ma soprattutto rigido e resistente. 
Ciò nonostante, essa può essere facilmente lavorata all'uncinetto, da sola oppure utilizzata insieme ad altri filati; inoltre, la sua tessitura viene ormai realizzata anche a volumi industriali, per la realizzazione di un gran numero di prodotti, come vedremo più avanti.

Che vantaggi ha la juta?
Considerando il suo consumo globale, i volumi di produzione e disponibilità, la juta rappresenta ad oggi, dopo il cotone, la fibra vegetale più economica e più importante
Dalle caratteristiche appena evidenziate, si ricava un gran numero di vantaggi legati all'utilizzo, alla produzione e commercializzazione della juta e dei prodotti che ne prevedono l'impiego. 

Come già anticipato, la juta è totalmente biodegradabile. Essa si presenta altamente compatibile con l'ambiente anche sotto il profilo produttivo: infatti, per ogni ettaro di produzione si consuma una quantità di anidride carbonica pari a circa 15 tonnellate, mentre comporta il rilascio in atmosfera di circa 11 tonnellate di ossigeno. 
Questi numeri dimostrano che la coltivazione e utilizzazione di questa pianta contribuisce in modo attivo e passivo al miglioramento dell'ambiente. 

Ma i vantaggi diventano ancora più evidenti se pensiamo alle qualità che possiede il tessuto in quanto tale. 
Le fibre di juta, infatti, sono isolate e trattengono moderatamente l'umidità; a ciò si aggiunge la presenza di proprietà antistatiche e la bassa conducibilità termica, che ne favoriscono l'impiego anche per la realizzazione di tessuti da esporre a calore. Infine, l'elevata resistenza alla trazione e il ridotto coefficiente di estensibilità conferiscono ai filati e, di riflesso, ai prodotti tessuti con questa fibra, una estrema forza, che ne permette l'impiego in molteplici settori per ottenere risultati eccellenti.

Tutte le applicazioni della juta.
Solitamente, la juta viene utilizzata per produrre borse destinate a negozi di moda, ma anche sacchi rinforzati da impiegare per contenere prodotti agricoli e simili, oltre che per realizzare articoli da decorazione o accessori, come un pratico sacchettino in juta per la spesa o per il trasporto di oggetti acquistati in un negozio. 

Considerando le molteplici qualità positive di questo materiale, la juta viene impiegata anche nella produzione di imballaggi che sono idonei a sostituire, per resistenza e praticità, quelli tradizionali in plastica. Al contempo, si utilizza la juta anche per sostituire la fibra di vetro nella produzione del cemento armato, permettendo la realizzazione di materiali edili a prezzi più economici e con un minore impatto ambientale. 
La versatilità di questa fibra, inoltre, ne consente la prestazione anche per costruire nastri e cordoncini industriali, cinghie, cascami e molto altro.

Questo materiale trova molteplici applicazioni anche al di fuori delle esigenze industriali o della produzione, essendo utilizzato in ambito farmaceutico, cosmetico, pittorico e così via. 
I suoi tessuti rinnovabili e al contempo resistenti, inoltre, ricevono molteplici applicazioni nel campo alimentare, nella realizzazione di suole per calzature oppure nei settori aeronautici ed automobilistici (ad esempio, per la produzione di tute, elmetti e altri accessori di sicurezza dei piloti).

Andrea Pietrarota
Direttore Responsabile

condividi su

Articoli correlati