15/09/2016 - 11:45

'Italy in Circuit'. La circolarità dal punto di vista delle aziende italiane: verso una nuova fase di crescita sostenibile

Dagli “Stati Generali” dell’economia circolare a Misano Adriatico, la convention dei Giovani Imprenditori di Confindustria Emilia-Romagna svoltasi tra il 9 e il 10 settembre scorso, la richiesta pressante alla politica di regole certe che permettano all’Italia di “fare l’Italia” e tornare a crescere.
I lavori di Italy in Circuit - La circolarità dal punto di vista delle aziende italiane hanno fatto il punto sullo stato di avanzamento del “cantiere” dell’economia circolare in Italia.

La convention di Misano Adriatico può  essere definita a buon titolo come i primi “Stati Generali” della circular economy in Italia.

Per la prima volta, infatti, un’assise confindustriale di rilevanza nazionale ha messo il tema dell’economia circolare al centro dei lavori, riunendo allo stesso tavolo imprenditori, rappresentanti delle istituzioni e i vertici delle principali associazioni di categoria e dell’ambientalismo.

Il messaggio lanciato da Misano Adriatico è innanzitutto una richiesta pressante di decisioni politiche rivolta a governo e parlamento: urge un nuovo quadro normativo che fissi regole certe sul riciclo e riuso delle materie prime, recependo le indicazioni europee in materia di economia circolare, dando così alle imprese la possibilità di organizzarsi e investire in sicurezza.

Il racconto di un Paese in cui molti settori produttivi sono già entrati nell’ottica dell’economia circolare, ma che rimane frenato da una normativa inadeguata e incoerente è stata al centro dell’intervento di Claudio BighinatiPresidente dei Giovani Imprenditori Emilia Romagna:

L’economia circolare è tema etico e importante per l’ambiente, ma deve anche essere un modello conveniente. Se l’imprenditore intravede un potenziale vantaggio economico e un nuovo mercato si butta senz’altro, ma deve essere sereno e tranquillo sul fatto che ci sia una normativa chiara e precisa.”

La linea del presidente dei Giovani Imprenditori di Confindustria Emilia-Romagna è stata sposata da Stefano ArvatiPresidente di Renovo SpA:

Qual è quell’imprenditore che si tira indietro in un progetto dove risparmia e realizza un ricavo da un sottoprodotto che invece butterebbe? La cultura c’è già, ed è la cultura contadina. Tuttavia la normativa ambientale vigente, incardinata sul Testo Unico del 2006, è completamente da rivedere. Ci sono migliaia di procedimenti penali a carico di imprenditori che stanno cercando di usare un proprio sottoprodotto che poi la PA incasella come rifiuto. Bisogna aggiornare questa normativa, altrimenti è tutto complicatissimo da mettere in pratica.”

La richiesta di rivedere e armonizzare il quadro normativo riguardante la circolarità è stata fatta propria anche dalla dottoressa Emma PetittiAssessore al bilancio, riordino istituzionale, risorse umane e pari opportunità della Regione Emilia-Romagna:

Investimenti e progetti hanno bisogno di una riduzione dei tempi e di norme che mettano in grado gli imprenditori di investire in sicurezza. È fondamentale uniformare il nostro territorio in merito alle normative, che ora sono molto diverse da regione a regione. Non è solo un tema di risorse ma anche di provvedimenti che mettano chi è in condizione di investire in grado di farlo in tempi brevi e in maniera efficace. Si stanno facendo passi avanti ma c’è la necessità di tenere tutto insieme.”

Un altro aspetto che ha visto la convergenza dei partecipanti al Tavolo di lavoro interassociativo sull’economia circolare è la necessità di alimentare la circolarità  condividendo conoscenze e stimolando l’innovazione. 

“Le imprese hanno bisogno che le università sviluppino progetti di ricerca su nuove declinazioni concrete della circolarità,  per cui c’è anche una circolarità relazionale in questo senso da sviluppare” - ha affermato Rossella MuroniPresidente Nazionale di Legambiente.

L’Italia può essere competitiva a livello internazionale sfruttando la nostra bravura in fatto di qualità dei prodotti. Ci sono già aziende che stanno facendo bene business seguendo questo modello. Legambiente sta accompagnando queste aziende, raccontando storie di successo. Tuttavia quanto è successo nel settore delle energie rinnovabili, con incentivi che vanno e vengono, ci deve ammonire su un problema che va risolto alla radice: per fare business serve certezza delle regole.

Alberto Frausin, Amministratore Delegato di Carlsberg Italia, ha approfondito il tema mettendo sul tavolo opportunità e rischi:

L’obiettivo della circular economy è rendere il più possibile lunga la vita del prodotto. L’innovazione da questo punto di vista è fondamentale, ma non basta. Dobbiamo fare un salto di qualità nell’innovazione anche perché intorno a noi stanno cambiando le regole del gioco. Ci troviamo di fronte alla più grande rivoluzione industriale che abbiamo vissuto negli ultimi cinquant’anni. Noi in Italia siamo forti: ad esempio, siamo leader nelle plastiche bio, ma la sfida è trovare anche materie prime che siano molto più avanzate di quelle attuali.

Una finestra sullo stato dell’arte dell’economia circolare nel nostro Paese è stata aperta dall’intervento di Franco PasqualiPresidente del Forum dei Promotori di Symbola - Fondazione per le Qualità Italiane:

Molte nostre imprese sono già dentro l’economia circolare. Per esempio, per quanto riguarda l’alluminio, la carta o il vetro siamo già a numeri importanti, e siamo leader anche nelle bioplastiche. Sono del parere che ci si debba presentare ai tavoli istituzionali con le idee chiare su quello che c’è dietro e su quello che già è stato fatto. Soprattutto è necessario far capire cosa sta cambiando, spiegare come sono realizzati i prodotti prendendo come esempio il Biologico, esploso dopo che è stato spiegato bene. Non siamo all’anno zero, tuttavia. Ci sono caselle su cui ragionare e strumenti su cui fare politica industriale. Su questo dobbiamo impegnarci, e come Symbola vogliamo stimolare le aziende.”


Massima convergenza si è registrata sull’idea che l’Italia possa rivestire un ruolo da protagonista in un scenario internazionale di economia circolare se “ritornerà a fare l’Italia” sfruttando integralmente il proprio potenziale.
Tuttavia, i punti di riferimento sono e saranno necessariamente globali, come ha ricordato nell’intervento di chiusura Claudio Bighinati: 
Uber e Airbnb non hanno né auto né immobili di proprietà, eppure sono i principali attori rispettivamente nel car sharing e negli affitti. Questo ci deve far capire dove siamo arrivati con la sharing economy. Dobbiamo accettare che questo tema modificherà la nostra vita nei prossimi dieci anni.

Andrea Pietrarota
Direttore Responsabile

condividi su