27/06/2018 - 12:44

Istat: le città italiane sono più calde di un grado

Secondo i dati storici raccolti dall'istat, le città italiane registrano un aumento di temperatura pari ad 1° rispetto al periodo 1971-2000.

città più calde

A partire dall’aggiornamento al 2016 della serie storica di dati giornalieri di stazioni termo-pluviometriche nelle città capoluogo di regione, l'Istat ha presentato i valori medi di temperatura e precipitazione e gli indici di estremi climatici del periodo 2002-2016 in relazione a quelli del periodo climatico 1971-2000. La temperatura media annua delle stazioni nel periodo 2002-2016 è di 15,5°C, in aumento di 1,0°C rispetto agli anni 1971-2000. Le anomalie – la differenza del valore medio del periodo 2002-2016 dal valore climatico – dopo il 1996 assumono sempre valori positivi e molto significativi, risultando comprese fra lo +0,5°C di Cagliari e Genova e il +1,5°C di Perugia.

Aumentano i valori degli indici che descrivono gli estremi di caldo. Nel periodo 2002-2016 sono in media 110 i giorni estivi e 45 le notti tropicali, rispettivamente 17 e 14 in più rispetto alla media climatologica. Le anomalie hanno assunto valori positivi in tutti i capoluoghi. In aumento dal 2000 anche l’indice di durata dei periodi di caldo (onde di calore). Parallelamente si riduce il numero di giorni con gelo (-3), di notti fredde (-9) e di giorni freddi (-11), a conferma di una tendenza al riscaldamento di quasi tutte le città.

La precipitazione totale media annua delle stazioni, nel periodo 2002-2016, è stata pari a 778 mm, l’1,6% in più rispetto al valore climatico 1971-2000 (765,8 mm). La variabilità spazio-temporale della precipitazione totale media annua nelle città si conferma elevata. Genova, seconda città per precipitazione totale media nel periodo osservato, segna l’anomalia negativa più alta (-206,2 mm); Palermo (+166,8) e Campobasso (+162,1) registrano le anomalie positive maggiori. Nel periodo 2002-2016 i giorni piovosi sono in media 82, in linea con il valore climatico 1971-2000. Le anomalie oscillano tra +8 giorni di Palermo e -5 di Venezia.

Anche i giorni di precipitazione superiore a 20 mm non registrano particolari variazioni e si attestano in media sui 10 giorni l’anno. La variazione più alta è pari a 3 giorni piovosi, in meno per Milano e Genova, e in più Campobasso, Catanzaro, Palermo e Trento. Negli ultimi quindici anni, il 24,7% della precipitazione totale media annua ricade nei giorni molto piovosi, con un valore medio pari a 192 mm.

Tommaso Tautonico
autore

condividi su

Articoli correlati
  • Leggi
    05/04/2013 - 18:00
    Ambiente: il rapporto ISTAT sul verde urbano italiano

    Secondo lo studio sul verde urbano diffuso dall'Istat, ogni abitante delle grandi città ha a disposizione 30,3 metri quadri di verde. Il ministro Clini: "Non bastano; bisogna fare di più per dare ai cittadini un ambiente migliore, più bello e più salubre. Per questo motivo la legge 10 del 14...

  • Leggi
    18/11/2015 - 11:45
    Ambiente
    Ambiente: ISTAT, migliorano qualità dell'aria e raccolta differenziata

    Nel corso del 2014 si rileva un miglioramento generalizzato della qualità dell'aria, soprattutto nelle città del Nord; i livelli per alcuni inquinanti permangono tuttavia elevati e in diversi capoluoghi si rilevano picchi nelle medie orarie o giornaliere. Nel 2014 sono stabili i quantitativi di...

  • Leggi
    25/10/2016 - 12:30
    Ambiente
    2016: l'anno più caldo di sempre con aumento di CO2

    Allo sforamento dei limiti di anidride carbonica ha fatto seguito un 2016 che si classifica come l'anno piu' caldo di sempre a livello mondiale, da 137 anni fa quanto sono iniziate le rilevazioni, con la temperatura media registrata nei primi nove mesi sulla superficie della terra e degli oceani...

  • Leggi
    06/08/2015 - 02:43
    Efficienza
    Anche i pannelli solari soffrono il caldo

    Le temperature elevatissime di questa estate 2015 non hanno favorito la produzione di energia solare, che anzi è diminuita. Lo evidenzia Avvenia, leader nazionale nel settore della White Economy.