14/12/2016 - 12:26

Inquinamento: tre scuole di Milano si attivano contro lo smog

I ragazzi di tre scuole milanesi non ci stanno a respirare aria inquinata e decidono di pittare i muri delle palestre con una speciale pittura in grado di neutralizzare inquinanti e batteri.
inquinamento
L’iniziativa è portata avanti da Retake Milano, con la sponsorship di Enel attraverso la piattaforma di crowdfunding PlanBee e con il placet del Comune di Milano. Nella fattispecie, del Municipio 1 nella persona dell’Assessore all’Ambiente e vice presidente Municipio 1 Elena Grandi, che ha dato un supporto fattivo per il coinvolgimento dei presidi delle scuole prescelte. L'iniziativa trova il consenso sia del vicesindaco Anna Scavuzzo sia dell’assessore ai Lavori Pubblici e alla Casa Gabriele Rabaiotti: “l’interesse dell’amministrazione per questa tecnologia anti inquinamento è molto alto. Vi sono naturalmente implicazioni procedurali da considerare e va capito come portare avanti la raccolta fondi. Inoltre, dobbiamo capire quante risorse mettere in campo come pubblica amministrazione”.

Grazie ad Airlite è come se nelle tre palestre fossero stati piantati alberi, perché la tecnologia insita nella polvere inorganica - che diventa pittura con l’aggiunta di acqua- si comporta come un albero, attivando una reazione simile alla fotosintesi grazie alla luce, solare o artificiale. Il progetto pilota, denominato Bosco Invisibile, ricoprirà con Airlite 616 metri quadri di supericie, corrispondente a 17 alberi ad alto fusto (calcolati sulla proiezione di un albero ad alto fusto sul terreno circostante, pari a 37 metri quadri). In un anno, grazie a questo intervento, verranno eliminati 15 kg e mezzo di ossidi d’azoto. Ogni 12 ore, grazie ad Airlite, è come se sparissero dalla circolazioni gli inquinanti di 23 auto euro 3 ( o 59 euro 5). Circa duemila ragazzi, durante l’ora ricreativa, avranno modo di respirare aria priva di batteri, priva di odori, sgravata del quasi 90% degli inquinanti.

“Ringrazio i presidi, che ci hanno consentito di procedere in maniera veloce – afferma Andrea Amato, di Retake Milano, organizzazione a cui fa capo l’iniziativa - La conferenza stampa ha lo scopo di diffondere il progetto pilota alle municipalità tutte, in modo che avere aria pulita all’interno delle scuole sia una concreta opportunità”. Ora, la sfida è estenderla alle scuole nella loro totalità, non soltanto milanesi. Tra l’altro, il crowdfunding realizzato da Enel attraverso PlanBee, è stato possibile grazie all’intervento dei cittadini stessi, come ha spiegato Carmen Pisani: Dieci mesi fa abbiamo cambiato programma di fidelizzazione creando una community digitale che in meno di dieci mesi ha coinvolto milioni di clienti con quiz e giochi su tema sostenibilità e questioni pubbliche. Una sorta di edutainment che vede premiati i clienti attivi con bonus sul car sharing e sul trasporto pubblico. Per Bosco Invisibile, abbiamo sposato subito la piattaforma di Plan Bee, con un successo enorme: in un mese è stato raggiunto il 110% dell’obiettivo stimato.

Il primo a procedere, il 16 novembre, è stato l’Istituto del Buon Pastore. Poi, il 3 dicembre, è stata la volta dell’Istituto Comprensivo Giusti –D’Assisi. Infine, il 17 dicembre, sarà la volta del Liceo Berchet, co il contributo dei ragazzi.
Tommaso Tautonico
autore

condividi su

Articoli correlati
  • Leggi
    01/01/2013 - 01:00
    Ambiente
    Aria pulita al 100%, arriva Andrea

    E' nato circa due anni fà come prototipo ma adesso è in vendita su Amazon.com alla cifra di 199 dollari, parliamo di Andrea, il depuratore d'aria naturale al 100%.

  • Leggi
    17/03/2015 - 13:00
    Ambiente
    Aria pulita per tutti! Una petizione contro l'inquinamento a Milano

    Close to Media lancia una petizione per spegnere i motori dei bus turistici in sosta che provocano una straordinaria emissione di gas inquinanti che pregiudicano la qualità dell'aria di Milano, come sappiamo non delle migliori.