02/12/2016 - 12:41

Incendio raffineria Eni: sembra scampato il danno ambientale

Sembra lieve il danno ambientale provocato dall'incendio alla raffineria Eni

Dai dati diffusi dall'Arpae è stato possibile confermare l’assenza di significativi incrementi degli inquinanti misurati in seguito all'esplosione avvenuta alla raffineria Eni di Sannazzaro de Burgundi (Pavia).
danno ambientale
Sembra rientrato l'allarme ambientale relativo all'esplosione avvenuta alla raffineria Eni di Sannazzaro de Burgundi (Pavia). La situazione viene seguita con costante monitoraggio da tecnici, enti locali e responsabili della pubblica sicurezza. Nelle ore successive all'accaduto si è creato panico nei paesi vicini allarmati dalla colonna di fumo che si è innalzata dalla raffineria e preoccupati per il possibile danno ambientale ne poteva conseguire. Attualmente i vigili del fuoco stanno intervenendo ancora per il raffreddamento degli impianti interessati dall'incendio, che sono a temperatura elevatissima.

Arpae Emilia-Romagna è intervenuta immediatamente per verificare gli eventuali effetti dell'incidente sulla qualità dell’aria in territorio Piacentino. Ha effettuato il monitoraggio presso le 5 stazioni fisse di Besenzone, Corte Brugnatella, Lugagnano Val D’Arda, Piacenza Parco Montecucco e Piacenza Giordani-Farnese, relativamente a polveri fini (PM2,5 e PM10), ozono, benzene, monossido di carbonio, biossido di zolfo e biossido d’azoto. 

L' Agenzia regionale, rende noto che "questa mattina i tecnici hanno prelevato i primi filtri dalle due centraline mobili ad alto flusso necessarie per le determinazioni dei microinquinanti, localizzate lungo la direzione del vento a Dorno e Pieve Albignola" e "già questa notte è stato possibile confermare l’assenza di significativi incrementi degli inquinanti misurati". L' Arpae ha monitorato anche i venti, per fortuna limitati dopo l’esplosione e di direzione variabile, situazione che ha per ora evitato che i fumi raggiungessero il Piacentino. Verrà inoltre verificato lo stato del corpo idrico in cui scarica il depuratore interno, che ha raccolto le acque di spegnimento.
Marilisa Romagno
autore

condividi su

Articoli correlati