08/11/2021 - 17:51

Impronta ecologica aziendale. Dal frelance alla grande impresa, ecco quanto impattiamo sull'ambiente quando lavoriamo

Per una PMI l’impronta ecologica può arrivare a equivalere a 27 alberi e a 465.000 litri d’acqua. Ma con i giusti accorgimenti si può arrivare fino a 90.000 euro di risparmi. Il 60% dei consumatori è attratto dalle imprese eco-responsabili e il 50% è pronto a boicottare un’impresa con impronta ecologica elevata.

impronta ecologica

Ogni nostra azione quotidiana si riflette sull’ambiente circostante, creando un impatto, alcune volte minimo, in altri casi enorme, anche se spesso non prestiamo (la giusta) attenzione. Questo impatto è la nostra impronta ecologica, un indice statistico che confronta il consumo umano di risorse naturali, di una certa porzione di territorio, con la capacità della Terra di rigenerarle, stimando l’area biologicamente produttiva necessaria a rigenerare le risorse consumate e ad assorbirne i rifiuti. “Come nella vita di tutti i giorni, anche in ambito lavorativo la nostra impronta ecologica è presente, anche troppo – commenta Fabian Stanciu, Country Manager per l’Italia di Yousign – Molte volte nemmeno ci domandiamo quale peso possa avere la nostra attività lavorativa di tipo amministrativo sul consumo di risorse naturali. Pensiamo possa essere esiguo, e in alcuni casi potrebbe anche esserlo, ma se pensiamo alle nostre azioni quotidiane mentre siamo in ufficio e le sommiamo a quelle dei nostri colleghi, scopriamo che l’impatto che generiamo è tutt’altro che trascurabile. Senza considerare che tutto questo si ripercuote sull’impresa stessa dal punto di vista economico ma anche d’immagine. Le ultime ricerche, infatti, sottolineano che il 60% dei consumatori è attratto dalle imprese eco-responsabili e il 50% si è detto pronto a boicottare un’impresa con un’impronta ecologica elevata".

Come fare, quindi, a capire quanto il nostro lavoro o quello della nostra impresa può impattare sull’ambiente? Yousign, l'azienda della firma elettronica che punta a digitalizzare su cloud 15 milioni di documenti in Italia entro il 2023, grazie alle stime calcolate con il simulatore di impronta ecologica (ed economica) ha evidenziato un quadro preoccupante già a partire dall’analisi di una micro impresa, per diventare devastante se associato a grandi aziende. E nemmeno i freelance possono dormire sonni tranquilli:

● l’impronta ecologica annuale di freelance, professionisti e lavoratori autonomi, così come quello delle micro-imprese (fino a 10 dipendenti) può arrivare a equivalere a 10 alberi e 165.000 litri d’acqua, che corrispondono a 18. 333 casse d’acqua. Con i giusti accorgimenti si può più eco-sostenibili e al contempo arrivare a risparmiare dai 3.750 ai 18.750 euro;
 
● per una piccola impresa, che non superi quindi i 50 addetti, il conto sale a 27 alberi e a 465.000 litri d’acqua. Anche Il risparmio però può crescere. E in questo caso può arrivare fino a 90.000 euro;

● la media impresa che conta 100-200 dipendenti vede salire vertiginosamente l’impronta ecologica aziendale fino a 277 alberi e 4.515.000 (milioni!) di litri d’acqua. Di pari passo con il maggior impatto ambientale anche il risparmio per l’azienda, con un utilizzo oculato delle risorse, arriverebbe anche a 825.000 euro;
 
● con un’impronta ecologica che ammonta a 166.677 alberi e oltre 28 milioni di litri d’acqua consumati chiudono la classifica le grandi imprese (fino a 1000 addetti). Il cui impatto sull’ambiente è davvero devastante. E questo senza considerare le industrie o le multinazionali che contano in alcuni casi decine se non centinaia di migliaia di dipendenti. Per le grandi imprese un uso più consapevole delle risorse potrebbe fruttare fino a quasi 8 milioni di euro di risparmio.

“Il nostro simulatore è un tool che per calcolare l’impronta ecologica aziendale si basa sull’impatto ambientale associato alla riduzione di impiego di carta attraverso l’analisi di tre fattori, il numero di documenti inviati per firma, quello di pagine per documento e infine il numero di destinatari per ogni documento – spiega Fabian Stanciu, Country Manager per l’Italia di Yousign – E’ un modello che tiene conto del fatto che ogni destinatario di un documento lo stampi in media una volta e che la carta utilizzata contenga il 10% di materiale riciclato. Per determinare i valori finali questi dati poi vengono incrociati e rielaborati con le emissioni annue di CO2 di un frigorifero (classe A++), i litri d’acqua per riempire una vasca da bagno e il peso dei rifiuti solidi in un bidone della spazzatura da circa 75 litri”.

Tommaso Tautonico
autore

condividi su

Articoli correlati
  • Leggi
    01/01/2013 - 01:00
    Ambiente
    Living Planet Report: necessario ridurre impronta ecologica

    È stato presentato oggi in diretta mondiale webacast il Living Planet Report, il rapporto biennale realizzato dal WWF in collaborazione con la Zoological Society di Londra e il Global Footprint Network, che mette in relazione i trend delle specie e l'impronta ecologica per darci un quadro generale...

  • impronta ecologica
    Leggi
    19/12/2016 - 17:00
    Attualità
    Il Dec-albero: 10 mosse per ridurre l'impronta ecologica delle feste natazie

    Mancano pochi giorni all’avvio delle feste natalizie e il WWF lancia il suo Natale sostenibile in 10 mosse: il tradizionale “dec-albero” dell’Associazione contiene dieci consigli pratici per ridurre l’impronta ecologica delle feste di fine anno.

  • Leggi
    31/10/2015 - 11:30
    Ambiente
    WWF: "Dieta mediterranea ricca di carne aumenta impronta ecologica"

    Nessuna nazione mediterranea soddisfa le due condizioni minime per uno sviluppo sostenibile globale: vivere nei limiti della disponibilità delle risorse dii un solo Pianeta e soddisfare il benessere dei suoi abitanti. L'indicatore dell'impronta ecologica pro capite dei paesi mediterranei è infatti...

  • Leggi
    01/01/2013 - 01:00
    Carbon Footprint: calcolare e comunicare l'impatto dei prodotti sul clima

    La Carbon Footprint di prodotto (CFP) è lo strumento ideale nella costruzione di una nuova dinamica produttore-consumatore. Quantificare e comunicare l'impronta climatica di un prodotto vuol dire aumentare la trasparenza sulle azioni che un'azienda compie per la gestione delle emissioni di gas...