18/10/2012 - 18:02

Il primo maso "casa clima" d'Italia

Le nuove frontiere delle vacanze sono quelle ecologiche: il turismo eco-sostenibile è sempre più apprezzato e le strutture eco-friendly non conoscono la crisi. Aumenta la ricerca verso la sostenibilità, anche nell'ambito quotidiano e nella scelta delle vacanze.
E' il maso frutticolo Sandwiesenhof di Gargazzone l'apripista della specializzazione "vacanze ai masi casa clima", una certificazione prestigiosa che lo investe della carica di "primo agriturismo d'Italia Casa Clima", ovvero la prima azienda agricola che ha superato gli esami di "ecosostenibilità" dell'autorevole agenzia CasaClima, struttura pubblica a direzione e coordinamento della Provincia Autonoma di Bolzano che si occupa della certificazione energetica degli edifici, basandosi prevalentemente su tre fattori: ecologia, economia e aspetti socio-culturali. Gallo Rosso, l'associazione altoatesina che riunisce più di 1550 autentici masi (in cui prevale l'attività agricola) ha aggiunto la 12esima specializzazione per accogliere tutti masi che, come il pioniere Sandwiesenhof, verranno certificati "Casa Clima". Le altre 11 specializzazioni sono le seguenti: masi per famiglie, masi per appassionati di cavalli, masi per escursionisti, masi storici, masi con coltivazione biologica, masi per persone allergiche, masi "benessere", masi di alta montagna, masi per diversamente abili, masi vinicoli e masi per ciclisti. Ogni specializzazione impone severi parametri da rispettare; quelli per entrare nella specializzazione "masi Casa Clima" prevedono tra l'altro l'utilizzo di energie rinnovabili, nel caso del Sandwiesenhof sono in funzione un impianto geotermico e fotovoltaico, che rendono il maso energeticamente indipendente.

Il maso Gallo Rosso frutticolo Sandwiesenhof si distingue per la sua modernità e l'architettura innovativa: offre due appartamenti costruiti secondo i criteri di bioedilizia, certificati con il prestigioso attestato "Casa Clima A Gold", il massimo in termini di risparmio energetico e eco-compatibilità. Per ottenere la certificazione le emissioni di CO2 della struttura devono essere al di sotto dei 20 kg per metro quadro all'anno, la raccolta dei rifiuti deve essere differenziata, vanno evitati gli sprechi energetici ottimizzando la luce solare, l'umidità e la temperatura delle stanze devono essere sempre controllate, i materiali di costruzione, oltre a essere naturali, devono provenire dal territorio, negli appartamenti degli ospiti sono a disposizione le informazioni riguardo la certificazione, la sostenibilità ambientale e i temi connessi all'ecologia. Una visita guidata al maso illustra tutti gli aspetti correlati all'eco-sostenibilità. Per tutto l' anno vengono offerti 3 diversi tipi di succhi dal maso, frutta dal maso almeno 4 prodotti provenienti dal maso. La colazione deve contenere un buffet con almeno 10 prodotti diversi, nell'orto devono essere presenti verdure di stagione coltivate in modo biologico, se gli ospiti arrivano in treno o in autobus, è previsto il servizio pick up. In questo modo la vacanza diventa un momento di relax, in un luogo che offre comfort e attenzione all'ambiente. Il futuro del turismo, e in generale, è green.
Tommaso Tautonico
autore

condividi su