01/01/2013 - 01:00

Il primo Burger King sostenibile

Burger King ha presentato a Waghäusel, in Baviera, il suo primo ristorante ad alta efficienza energetica. Il prototipo, realizzato in collaborazione con Wirsol Solar AG, utilizza una tecnologia d'avanguardia e fonti di energia rinnovabile, che consentono di risparmiare oltre il 45% di elettricità.
Il Burger King ad alta efficienza energetica è stato realizzato in Baviera ed utilizza una tecnologia d'avanguardia che consente di risparmiare oltre il 45% di elettricità, grazie all'utilizzo di sistemi fotovoltaici ed eolici. Il progetto pilota, sviluppato da Burger King insieme con l'azienda tedesca Wirsol Solar, offre un design "futuristico" ed è dotato della tecnologia e dei componenti edilizi a efficienza energetica più moderni.
A Waghäusel, in Baviera, dove è stato proposto il primo ristorante ad alta efficienza energetica, il tipico traliccio elettrico delle pubblicità sarà sostituito da una turbina eolica, capace di contribuire all'alimentazione elettrica del ristorante per un valore fino a 2.500 kWh. La sede sarà dotata anche di una postazione di ricarica elettrica a energia solare.

L'adozione del nuovo sistema si traduce in un risparmio energetico complessivo di oltre 120 tonnellate di CO2 all'anno poiché la nuova tipologia di ristorante si auto-sostiene per circa un terzo del suo fabbisogno energetico consentendo di risparmiare anche sui costi di gestione a lungo termine.
Un sistema di utilizzo del calore garantisce il recupero del 73% dell'energia primaria sfruttata, mentre i sistemi fotovoltaici e a energia eolica fanno risparmiare fino al 45% di elettricità, in confronto ai ristoranti standard. Nella nuova tipologia di locale, 723 pannelli solari generano oltre 53.500 kWh di elettricità all'anno, che corrispondono al consumo di 15 abitazioni abitate da quattro persone per 12 mesi.

Luci LED a lunga durata riducono del 55% il consumo di energia per l'illuminazione. La produzione di acqua calda che, in un tipico ristorante Burger King, incide per quasi la metà del consumo energetico, può essere oggi ottenuta semplicemente usando la perdita di calore in eccesso dell'energia generata. I ristoranti della società riciclano inoltre gli scarti di cibo, mentre l'olio di frittura viene trasformato in biodiesel, il packaging dei prodotti è stato notevolmente ridotto e supporta il progetto pilota di un autoarticolato a basse emissioni, alimentato a gas naturale.

"Con l'apertura di questo ristorante, si introduce un concetto di efficienza energetica che fara' tendenza, in linea con il nostro programma globale di responsabilita' sociale e con il nostro impegno ambientale", ha spiegato Jonathan Fitzpatrick, general manager di Buger King in Germania.
Passi da gigante in altri paesi...ma in Italia ci si sta muovendo in tal senso?o sono sempre i paesi del nord europa che devono fungere da apripista per brillanti idee sostenibili?ben venga se poi riusciamo a importarle nel nostro paese nel modo più corretto possibile.
Marilisa Romagno
autore

condividi su