02/04/2014 - 12:30

Il Piano di Azione per gli Acquisti Verdi della Regione Puglia

Come promosso a livello comunitario e nazionale, la pratica degli Acquisti Verdi impiegata nella Pubblica Amministrazione, rappresenta uno degli strumenti più efficaci ai fini della diffusione dei principi di sostenibilità nell'ambito delle strategie del consumo e produzione sostenibili.
Infatti, tale pratica, favorisce un modello di sviluppo che, attraverso la promozione della domanda pubblica verso beni e servizi ambientalmente preferibili, determina il conseguimento di specifici obiettivi strategici in campo ambientale, induce un cambiamento dei modelli di produzione, oltre che di consumo, e incoraggia gli investimenti nel campo dell'innovazione ambientale. Ad integrazione delle politiche di gestione dei rifiuti della Regione Puglia, gli Acquisti Verdi assumono un ruolo fondamentale, anche, nello sviluppo e incentivazione di un mercato dei beni prodotti attraverso l'utilizzo di materie "prime" riciclabili, contribuendo così alla chiusura del ciclo dei rifiuti.

Con L.R. n. 23 del 2006 la Regione Puglia ha avviato un percorso per costruire una buona prassi per la Pubblica Amministrazione e ha evidenziato la necessità per gli Enti Pubblici di procedere alla redazione di un "Piano di azione per gli Acquisti Verdi"con l'obbiettivo di: ottimizzare la resa di prodotti e servizi, ridurre l'uso di risorse naturali, ridurre la produzione dei rifiuti e delle emissioni inquinanti oltre che ridurre i rischi ambientali legati all'acquisto di beni e servizi da parte delle Amministrazioni. A tal proposito è stato avviata l'elaborazione del "Piano d'Azione Regionale per gli Acquisti Verdi" in cui sono coinvolti diversi Sevizi regionali (Ecologia, Rifiuti e Bonifiche, Affari Generali e Economato - Provveditorato) al fine di garantire il raccordo e l'integrazione tra le politiche ambientali e quelle di approvvigionamento di beni e servizi della stessa Amministrazione. Dopo proficuo confronto interno agli Uffici competenti, parte il confronto tra l'Amministrazione regionale e gli stakeholders al fine di condividere il Piano e le attività connesse ad una strategia di consumo e produzione sostenibili.
Tommaso Tautonico
autore

condividi su