29/07/2018 - 17:38

Il pescatore di plastica con la bicicletta galleggiante

La CNN ha pubblicato qualche giorno fa la notizia dell’imprenditore diventato ambientalista che, pedalando sui fiumi e canali di Londra, pesca i rifiuti di plastica per liberare i corsi d’acqua.

Dopo aver navigato con uno yacht da Londra a Rio de Janeiro, l'avventuriero Dhruv Boruah ha appreso che un'altra squadra che partecipava a quella stessa gara aveva incontrato due tartarughe aggrovigliate nella plastica nel mezzo dell'Oceano Atlantico. Pensando a tutte le altre vittime dell'inquinamento plastico nei nostri oceani, Boruah si è sentito costretto ad agire.

pescatore plastica

Dopo aver navigato con uno yacht da Londra a Rio de Janeiro, l'avventuriero Dhruv Boruah ha appreso che un'altra squadra che partecipava a quella stessa gara aveva incontrato due tartarughe aggrovigliate nella plastica nel mezzo dell'Oceano Atlantico. Pensando a tutte le altre vittime dell'inquinamento plastico nei nostri oceani, Boruah si è sentito costretto ad agire.

Così, tornato a casa a Londra, ha messo insieme una bicicletta di bambù, ha messo dei galleggianti gialli su entrambi i lati e ha aggiunto un timone e un'elica a pedali sul davanti. Poi, con una rete da pesca agganciata su entrambi i lati, ha iniziato a pedalare sui fiumi e canali della città raccogliendo rifiuti di plastica.

L'idea non è quella di liberare da solo i corsi d'acqua di plastica di Londra: è un lavoro troppo grande per un uomo su una bicicletta galleggiante. Invece, Boruah, 35 anni, usa il suo comico aggeggio per fare conversazioni con curiosi.

"È un ottimo inizio di conversazione, e poi posso dire loro del mio lavoro, della plastica e di come tutto inizia qui nei canali", dice Boruah alla CNN mentre si equilibra sulla sua bicicletta nel Regent's Canal di Londra. Boruah spera che la sua campagna - The Thames Project - renderà le persone consapevoli dei pericoli dell'inquinamento plastico e li incoraggerà ad agire.
Quando non è da "ciclismo fuoristrada", come lo chiama, Boruah sta lavorando con consigli, imprese e comunità per incoraggiarli a ridurre la loro impronta di plastica.

Imprenditore diventato ambientalista

In una vita passata Boruah era un consulente di gestione, che trascorreva 14 ore al giorno davanti a uno schermo. "Ma poi mi sono chiesto: 'quando è stata l'ultima volta che ho visto una stella? I miei occhi sono fatti per le stelle o per lo schermo?'" 

Dhruv ha iniziato le sue pulizie sul fiume Tamigi un anno fa, e ora si avventura in altri fiumi in tutto il paese. Cammina verso un fiume con solo uno zaino, impiega circa 40 minuti per convertire la sua bicicletta in un veicolo galleggiante e si lancia sull'acqua per "diventare come Gesù per un po’".

Si dirige verso i corsi d'acqua ogni tre settimane e arruola l'aiuto dei raccoglitori di rifiuti su canoe, barche e persino in piedi su tavole da paddle. In uno di questi giorni di pulizia a Birmingham, Boruah afferma di aver recuperato collettivamente 275 chilogrammi di plastica, sufficienti per riempire un piccolo camion.

Boruah riempie le sue reti da pesca con tutti i tipi di plastica monouso, come polistirolo e bottiglie d'acqua. Dice che il vero pericolo arriva quando questi vengono scomposti in minuscole microplastiche e si diffondono nell'aria, nei nostri mari e nella catena alimentare.

"La plastica è ora nell'aria che respiriamo, l'acqua che beviamo e il cibo che mangiamo", dice. "Devi preoccuparti perché riguarda te, la tua salute e la salute dei tuoi figli, perché stiamo distruggendo questo pianeta per loro?"

Per essere aggiornato con le nostre notizie, iscriviti al canale Telegram di Alternativa Sostenibile.

Mariangela Lomastro
autore

condividi su