15/06/2018 - 18:09

"Il mare più bello 2018" le più belle località di mare e di lago

Le più belle località di mare e di lago per scegliere la propria meta estiva all'insegna della responsabilità e della qualità ambientale. Rimangono al top delle classifiche la Sardegna con 5 comprensori marini a 5 vele e il Trentino Alto-Adige con Molveno (Tn) in testa alle località lacustri.

mare più bello

Ci sono perle ammirate in tutto il mondo come le Cinque Terre o la Costiera amalfitana, luoghi densi di storia e tradizione come Maremma e Salento, aree come Ustica dove la natura è meno segnata dall’intervento umano. E, al di là dell’iconografia classica del binomio “spiaggia dorata più mare cristallino”, non mancano paradisi naturali come il Delta del Po o l’aspra Lampedusa e una selezione di laghi. La guida annuale di Legambiente e Touring Club Italiano, Il mare più bello 2018, è stata presentata a Roma.

La Sardegna è anche quest’anno la regione più premiata con 5 comprensori a 5 vele: dalle terre della Baronia di Posada, poco sotto Olbia, all’area più a nord che comprende la Gallura costiera; e poi più a sud dal comprensorio di Baunei e lungo il litorale di Chia per arrivare alla costa occidentale, lungo il litorale della Planargia, che comprende il comune di Bosa. Importanti anche i riconoscimenti ottenuti da Sicilia (4 comprensori a 5 vele), Puglia, Campania, Toscana (tutte e tre con due comprensori a 5 vele), Liguria e Basilicata.

All’appuntamento, coordinato dal responsabile Turismo di Legambiente Sebastiano Venneri, sono intervenuti Maurizio Gubbiotti, presidente RomaNatura, Stefano Ciafani, presidente nazionale Legambiente, Giulio Lattanzi, direttore generale Touring Club Italiano, Corrado Matera, assessore Turismo e Sviluppo sostenibile Regione Campania, Angelo Gentili, segreteria nazionale Legambiente, Tore Sanna, vice presidente di Federparchi, Giuseppe Dodaro, Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, Leonardo Rubattu, direttore generale Iccrea Banca, Antonio Fentini, sindaco isole Tremiti, Roberto Vitali, presidente Village for All, Gianfranco Conti, direttore Fondazione Cesare Serono e Federica Barbera, progetto Clean Sea Life.

“Per il secondo anno abbiamo confermato la divisione del territorio costiero in comprensori turistici - dichiara il presidente di Legambiente Stefano Ciafani -. Abbiamo preferito cioè valutare territori un po’ più ampi del singolo comune costiero, nella convinzione che il turista ormai si muova su un areale che non rispetta confini amministrativi. Inoltre, ci preme raccontare come le reti territoriali e le comunità riescano a valorizzare le località e il loro patrimonio naturale. I turismi che coltivano uno stretto legame con il territorio stanno infatti diventando veri e propri apripista dell’intero sistema turistico, il modo migliore per raccontare le eccellenze è lanciare la sfida di distretti turistici che guardino alla sostenibilità come ingrediente principale. Intanto, le località a cinque vele non sono solo le più belle del nostro Paese, ma anche quelle più capaci a rispondere alle sfide del cambiamento del turismo prossimo venturo, più in grado di rinnovarsi e rilanciare la loro proposta di vacanza”.

“La scelta di promuovere territori più che singoli comuni è una scelta che abbiamo sposato con convinzione perché i territori rappresentano il contesto integratore della evoluzione dell'offerta turistica e valorizzano l'identità plurale del paese – afferma Giulio Lattanzi, Direttore Generale del Touring Club Italiano. La selezione rigorosa proposta dalla guida rappresenta bene la nostra missione di valorizzazione del paesaggio, del patrimonio artistico culturale e delle economie produttive dei territori. La collaborazione tra il Touring e Legambiente – conclude Lattanzi – si basa non tanto e non solo sul lavoro comune che sfocia in questa guida quanto sul principio della condivisione di quello che è il ruolo della pratica turistica italiana, che ci vede uniti e vicini rispetto ai grandi temi del Paese".

“Per molti il tempo delle vacanze è quello dei giorni in cui si ritrova la voglia e la gioia di fare qualcosa, di rimettere in moto il proprio corpo e pedalare, camminare, scalare, remare e quant’altro – dice Sebastiano Venneri, responsabile Turismo Legambiente -. Sono le cosiddette ‘vacanze attive’ che hanno preso il posto della vacanza sedentaria di un tempo. Si tratta di un vero e proprio esercito di villeggianti che da tutto il mondo sceglie le mete che offrono proposte di turismo dinamico. In questo senso il nostro Paese ha margini molto ampi di miglioramento, un’occasione anche per affrancarsi da un cliché che rischia di costringere l’Italia fra i confini del Belpaese, un luogo cioè attraente solo per la sua storia, le sue tradizioni, il suo passato insomma. Un po’ rischioso se si considera che nel 2025, fra pochi anni, il 50% dei turisti sarà costituito dai cosiddetti millennials di oggi, un pubblico giovanile cui piace individuare mete in grado di soddisfare la loro voglia di esperienza. Le nostre migliori mete, quelle a cinque vele per intendersi, hanno saputo raccogliere da tempo questa sfida e si stanno attrezzando di conseguenza”.

foto: casevacanza.it

Tommaso Tautonico
autore

condividi su

Articoli correlati
  • Leggi
    13/06/2014 - 18:30
    Ambiente
    Il Mare più bello? Ecco la classifica di Touring Club e Legambiente

    Il podio è per Castiglione della Pescaia (Gr), Pollica (Sa) e Posada (Nu) Santa Marina Salina (Me) prima fra le piccole isole. Molveno (Tn) vince la classifica dei laghi. Sardegna imbattibile nella classifica dei comprensori turistici con ben 5 distretti nella top ten. Al primo posto il Golfo di...

  • Bandiere verdi
    Leggi
    02/05/2017 - 15:57
    Ambiente
    Bandiere verdi 2017: le 134 spiagge italiane più adatte ai bambini

    Saranno presentate il 3 giugno a Montesilvano le 134 spiagge Bandiera verde 2017, le località a misura di bambini e famiglie. Sono pulite, comode, attrezzate e sicure. Da nord a sud Italia le spiagge dove giocare in sicurezza.

  • Leggi
    30/05/2016 - 20:00
    Ambiente
    Beach Litter 2016: Legambiente boccia le spiagge italiane

    L'associazione ambientalista documenta con un'indagine la situazione insostenibile in molte spiagge italiane. Su molte spiagge italiane al posto delle conchiglie a farla da padrone sono rifiuti spiaggiati come bottiglie, mozziconi di sigarette, calcinacci, stoviglie usa e getta, e poi tante...

  • Leggi
    01/01/2013 - 01:00
    Ambiente
    Bandiere Blu: premiate le spiagge di qualità

    In perfetto clima pre estivo torna la classifica delle spiaggie piu' belle d'Italia. Sono 233 in 125 località (il 6% in più rispetto al 2010), quelle premiate quest'anno con la Bandiera Blu. In testa si conferma per il terzo anno consecutivo la Liguria con ben 17 località, seguita da Marche e...