01/01/2013 - 01:00

Il Dnv valuta l'impronta ecologica degli omogenizzati Plasmon

Gli omogeneizzati Sapori di Natura di Plasmon dimezzano l'impatto ambientale con la nuova confezione. L'attenzione per l'ambiente è da sempre alla base dello storico impegno di Plasmon nell'affiancare mamma e papà nella crescita ottimale dei bambini. S'inscrive in quest'ottica anche il progetto di analisi della carbon footprint, ovvero delle emissioni di CO2, generate dalla nuova confezione degli omogeneizzati di frutta Sapori di Natura.
Plasmon ha incaricato DNV Business Assurance, ente di certificazione e di verifica leader a livello mondiale, di comparare l'impatto ambientale della nuova confezione in plastica degli omogeneizzati Sapori di Natura rispetto alla tradizionale confezione in vetro, con l'obiettivo di individuare la soluzione di packaging con le migliori performance dal punto di vista ambientale. Sulla base dei dati forniti da Plasmon e di quelli disponibili nella banca dati Ecoinvent, uno dei più importanti database di dati scientifici e industriali sul ciclo di vita dei prodotti, DNV Business Assurance ha calcolato le emissioni di CO2 generate lungo il ciclo produttivo delle due confezioni.

A partire dalla produzione dei materiali di confezionamento, al trasporto e consegna a Plasmon, sino alla fase di utilizzo e lavorazione da parte della stessa Plasmon. Nella fattispecie si è svolta un'analisi del ciclo di vita parziale che ha riguardato i materiali di packaging, l'energia consumata durante i processi produttivi, i rifiuti generati durante i processi produttivi e il loro smaltimento, nonché il trasporto dei materiali di
packaging e dei rifiuti. Dall'analisi comparativa si evince che utilizzando la nuova confezione in plastica, le emissioni di CO2 risultano mediamente dimezzate rispetto all'utilizzo della tradizionale confezione in vetro. La riduzione, inoltre, aumenta all'aumentare del formato.

Andrea Budelli, direttore Ricerca & Sviluppo di Plasmon, ha commentato: "Siamo l'azienda leader nell'alimentazione per l'infanzia, vicini alle mamme e ai loro bambini a 360°. Il nostro impegno non può prescindere dall'attenzione per l'ambiente, risorsa unica e inestimabile per i bambini di oggi e di domani. Siamo molto soddisfatti dell'analisi condotta, tant'è che è nostro interesse estendere lo studio all'intero ciclo di vita del prodotto". Stefano Crea, Global Director Food & Beverage, ha aggiunto: "Per noi di DNV ridurre l'impatto ambientale rappresenta un valore etico, prima ancora che una garanzia di una logica di business sostenibile; un obiettivo che perseguiamo a nostra volta nelle nostre attività quotidiane. Siamo orgogliosi di affiancare un'azienda leader come Plasmon in un percorso così importante".
Marilisa Romagno
autore

condividi su