15/03/2022 - 10:35

Il Climate Pledge supera i 300 firmatari impegnati a raggiungere zero emissioni nette di CO2 entro il 2040 o prima

Amazon e Global Optimism hanno annunciato che sono ormai più di 300 le aziende che hanno firmato il Climate Pledge, una crescita del numero dei firmatari del 600% rispetto all’anno passato. Tra i nuovi firmatari c’è Maersk, la più grande compagnia di navigazione mercantile al mondo; SAP, l’azienda leader al mondo nel software gestionale in cloud; l’azienda nordamericana di legname Weyerhaeuser; Sunrun, la più grande azienda di pannelli solari residenziali in USA e il marchio leader nell’auto connessa e nei servizi audio HARMAN.

the climate pledge

I firmatari del Climate Pledge si impegnano a:
• misurare e rendicontare periodicamente le proprie emissioni di gas serra;
• implementare strategie di decarbonizzazione in linea con l’Accordo di Parigi attraverso cambiamenti e innovazioni reali della propria attività, che comprendano un miglioramento dell’efficienza, l’impiego di energia rinnovabile, la riduzione dei materiali e altre strategie atte all’eliminazione delle emissioni di CO2;
neutralizzare qualsiasi emissione residua adottando misure compensative aggiuntive, quantificabili, reali, permanenti e con un impatto sociale positivo, così da raggiungere zero emissioni di CO2 annue entro il 2040.

"Gli effetti del cambiamento climatico stanno diventando sempre presenti nella nostra vita quotidiana e in tutto ciò che ci circonda, per questo noi crediamo fermamente che il settore privato debba continuare a innovare e a collaborare in modo trasversale tra diverse aree geografiche e settori industriali per decarbonizzare l'economia globale su larga scala", ha detto Andy Jassy, CEO di Amazon. "È un segno incoraggiante che più di 300 aziende abbiano firmato il Climate Pledge, un impegno ad affrontare il cambiamento climatico a testa alta, adottando cambiamenti aziendali concreti che avranno un impatto duraturo sul nostro pianeta. Possiamo raggiungere questo obiettivo solo insieme".

Molti dei nuovi firmatari del Pledge stanno già facendo grandi passi avanti verso la riduzione delle loro emissioni di CO2:
• Maersk sta offrendo servizi green all’avanguardia nel settore per i clienti in tutta la catena di approvvigionamento, tra cui Maersk ECO Delivery, che mira a ridurre le emissioni nel trasporto marittimo. Amazon ha iniziato a usufruire di questo servizio nel 2020 e continua anche oggi. La partecipazione di Amazon ha ridotto le emissioni di circa 20 chilotonnellate di CO2e (l'equivalente emesso in media da un veicolo in 50 milioni di miglia) nel 2021.
• SAP ha recentemente accelerato il suo obiettivo di raggiungere zero emissioni nette di CO2 al 2030, 20 anni in anticipo rispetto al suo obiettivo iniziale.
• Weyerhaeuser gestisce in modo sostenibile le foreste e realizza prodotti in legno in tutto il Nord America per offrire una fornitura sostenibile di legno per le case e innumerevoli altri prodotti, proteggendo al contempo l'habitat della fauna selvatica e fungendo da soluzione naturale per il clima attraverso l’assorbimento e lo stoccaggio di CO2. Weyerhaeuser riforesta il 100% delle sue foreste dopo il taglio, piantando tra i 130 e i 150 milioni di alberi ogni anno.
• I sistemi Sunrun hanno evitato 8,1 milioni di tonnellate di emissioni di CO2, il che equivale a compensare 20 miliardi di miglia percorse da un veicolo medio.
• Con una attenzione di lungo corso al perseguimento dell’obiettivo, la sostenibilità è uno dei principali pilastri strategici di HARMAN. Nell'ambito dell'impegno di HARMAN a raggiungere entro il 2040 un livello di emissioni di CO2 pari a zero in tutti gli Scope 1, 2 e 3, l'azienda sta lavorando per raggiungere obiettivi ambiziosi e misurabili a breve termine che mirano a ridurre le emissioni, il consumo di energia e i rifiuti in tutta la sua catena del valore. HARMAN ha introdotto nuove linee di prodotti realizzati con materiali riciclati e di provenienza responsabile e si è impegnata a utilizzare il 100% di energia rinnovabile in tutte le fabbriche HARMAN entro il 2025.

Oggi, il Climate Pledge accoglie anche diverse aziende che hanno precedentemente ricevuto investimenti attraverso il Climate Pledge Fund, il fondo di venture capital da 2 miliardi di dollari di Amazon che investe in aziende che possono accelerare il percorso verso gli obiettivi del Climate Pledge. Queste aziende includono BETA Technologies, una società aerospaziale che produce velivoli elettrici, e Infinium, un’azienda di tecnologie per combustibili rinnovabili, che mirano entrambe a sostenere gli sforzi di decarbonizzazione nel settore del trasporto a livello globale, responsabile di circa 7,3 miliardi di tonnellate di emissioni di CO2 nel 2020. Infatti, quasi il 13% dei firmatari rappresenta i settori dei trasporti, dell'aviazione e della logistica, un segnale importante della rapida crescita della domanda di prodotti e servizi che aiutano a ridurre le emissioni di CO2 in questo settore chiave. In aggiunta, Pachama, nuovo firmatario e partecipata del Climate Pledge Fund, sta portando qualità e trasparenza nei mercati delle compensazioni di carbonio basate sulla natura, ampliandone anche la portata. Pachama utilizza il telerilevamento e il machine learning per misurare la CO2 immagazzinata nelle foreste e monitorarla nel tempo, permettendo alle organizzazioni e agli individui di compensare le loro emissioni, sostenendo progetti di riforestazione e conservazione delle foreste.

L'annuncio dei nuovi firmatari si inserisce nel solco dei risultati dell'ultimo rapporto del Gruppo intergovernativo sul cambiamento climatico delle Nazioni Unite (IPCC), che sottolinea la necessità di un'azione immediata per ridurre le emissioni di gas serra, investire in soluzioni naturali per il clima per limitare il riscaldamento a circa 1,5 gradi Celsius e mitigare i danni.

"Di fronte alla drammatica prospettiva ritratta dalla scienza più recente, la comunità imprenditoriale deve aver chiaro l’obiettivo da seguire: fare passi avanti e accelerare la riduzione delle emissioni in modo da evitare danni peggiori in futuro", ha detto Christiana Figueres, socio fondatore di Global Optimism ed ex capo delle Nazioni Unite per il clima. "È incoraggiante, quindi, che 300 aziende si siano impegnate a collaborare per raggiungere zero emissioni nette entro il 2040 o prima attraverso il Climate Pledge. Ma 300 aziende non sono abbastanza per realizzare le trasformazioni di cui abbiamo bisogno. Incoraggio tutti i dirigenti d'azienda a prendere atto delle evidenze scientifiche, a tradurle per le loro aziende e a rendere realizzabili senza indugio i cambiamenti di cui abbiamo bisogno".

Tommaso Tautonico
autore

condividi su

Articoli correlati