09/07/2019 - 12:52

I vincitori di Immagini per la Terra: come Greta Thunberg i ragazzi vogliono salvare il Pianeta

La giuria di esperti del concorso nazionale "Immagini per la Terra" ha selezionato le scuole vincitrici della XXVII edizione dell'iniziativa di educazione ambientale di Green Cross Italia, realizzata in collaborazione con il ministero dell'Istruzione, la campagna Enea "Italia in classe A" e con il sostegno di Acqua Lete. 

 

 Immagini per la Terra

Tanti Greta Thunberg. Pronti a difendere l’ambiente, a battersi per salvare il pianeta dai cambiamenti climatici, a scoprire e diffondere i principi del risparmio e dell’efficienza energetica. Sono i vincitori della 27esima edizione del concorso nazionale “Immagini per la Terra”, promosso e realizzato da Green Cross Italia, in collaborazione con il ministero dell’Istruzione, con la Campagna Enea “Italia in classe A” e il sostegno di Acqua Lete: 170 studenti di otto scuole, selezionati tra gli oltre 13.000 partecipanti all’iniziativa, che si sono misurati con il tema del risparmio e dell’efficienza energetica

Per l’anno scolastico 2018-2019, il concorso dal titolo “Energia in Classe A” ha chiesto a ragazzi e insegnanti di tornare indietro nel tempo e scoprire perché gli Obiettivi di sviluppo sostenibile fissati al 2030 non sono stati raggiunti: dove abbiamo sbagliato, perché non siamo riusciti a onorare gli impegni sottoscritti con l’Agenda dell’Onu. Il gioco alla “Ritorno al futuro” ha scatenato la fantasia di grandi e piccoli, che sono riusciti a escogitare sistemi, strade e strumenti per  fermare il riscaldamento globale. Come? Ripensando gli stili di vita, facendo scelte sostenibili, producendo energia a impatto zero. 

C’è la poetica e spiritosa storia di un panino speciale, che aiuta il mondo a non farsi del male, ideato, costruito e illustrato dai bambini di 5 e 6 anni della scuola dell’infanzia di Bastida Pancarana (Pavia); e ci sono i progetti un po’ realistici, un po’ fantasiosi dei ragazzi della primaria Carlo Collodi di Mogliano Veneto (Treviso) su come rendere più vivibili e risparmiosi la scuola e il quartiere. Mentre gli studenti della secondaria di primo grado D’Annunzio di Salò (Brescia) interpretano il tema del riscaldamento globale e delle migrazione con il taglio toccante del corto “A casa mia”. E ancora: a Reggio Calabria i giovani dell’ITT Panella Vallauri si proiettano in un catastrofico 2031 e scoprono l’importanza delle rinnovabili per dare un futuro al Pianeta. 
La giuria del concorso composta da otto esperti di formazione, di comunicazione, artisti, giornalisti, ha dovuto scegliere tra centinaia di lavori di giovani che raccontano azioni di risparmio energetico, mettono in campo fantasia ed eroismo, progettano macchinari, immaginano scenari diversi da quello che stiamo vivendo. Tutti avendo nella testa e nel cuore il messaggio e l’impegno di Greta. 

Marilisa Romagno
autore

condividi su

Articoli correlati