09/01/2019 - 12:12

I buoni propositi degli italiani in ambito climatico per il 2019: riciclo, prodotti locali e meno rifiuti

La Banca europea per gli investimenti (BEI), in collaborazione con YouGov - società internazionale di analisi dell’opinione pubblica - ha pubblicato il terzo pacchetto di risultati dell’indagine della BEI sul clima, un sondaggio che analizza come i cittadini percepiscono i cambiamenti climatici nell'Unione europea, negli Stati Uniti e in Cina.

buoni propositi climatici

Questa terza ondata di risultati è incentrata sugli impegni dei cittadini per il 2019 e sulla percezione, da parte degli stessi, non solo delle misure adottate dai rispettivi governi e dalle istituzioni pubbliche internazionali per contrastare i cambiamenti climatici, ma anche dei livelli di responsabilità nell’ambito di tale lotta. Secondo l’indagine della BEI sul clima, il 71% degli italiani è propenso a riciclare nei prossimi dodici mesi. Tra i buoni propositi in ambito climatico il riciclaggio è il più popolare. Il podio delle tre iniziative per l’ambiente più popolari in Italia per il 2019 è completato dall’acquisto di prodotti locali/di stagione e dalla riduzione della quantità di rifiuti. Dall’indagine emergono tuttavia anche differenze tra determinati gruppi della società italiana: gli uomini che si dichiarano disposti a comprare prodotti locali/di stagione nel 2019 sono solo il 42%, contro un 51% di donne pronte a farlo.

L’indagine ha inoltre permesso di scoprire che, secondo gli italiani, sono proprio i cittadini a dover svolgere il ruolo maggiore nella lotta ai cambiamenti climatici, e solo dopo di loro il governo nazionale, l’Unione europea e le imprese: più di un italiano su tre pensa di dover essere in prima linea nella lotta ai cambiamenti climatici.

Tuttavia, gli italiani mostrano un elevato grado di scetticismo in relazione all’efficacia delle istituzioni nella lotta ai cambiamenti climatici. Se da un lato il 48% degli italiani descrive come “efficaci” le proprie iniziative, dall’altro solo il 18% ritiene che le misure attuate dal governo nazionale lo siano altrettanto. Analogamente, sono solo il 20% coloro che ritengono efficaci le misure delle organizzazioni internazionali.

Quanto osservato in Italia sostanzialmente rispecchia le sensazioni registrate più in generale nell’Unione europea: il 31% degli europei ritiene che, per quanto riguarda le azioni a favore del clima, il grosso della responsabilità ricada sui cittadini.  Va tuttavia sottolineato che in altri continenti, invece, le opinioni sono diverse: il 40% dei cinesi e il 25% degli americani attribuiscono la responsabilità in primo luogo a organizzazioni internazionali quali le Nazioni Unite o la Banca mondiale e solo in seconda battuta ai cittadini.

Per i cittadini è importante fare la differenza nella lotta ai cambiamenti climatici e sapere che il loro contributo individuale può valere quanto le azioni intraprese da organismi pubblici. I risultati dell’indagine della BEI sul clima fanno eco alle recenti “marce per il clima” tenutesi in varie città europee, che hanno dimostrato quanto i cittadini siano pronti ad intervenire attivamente.

Azioni rispettose del clima che gli italiani intendono avviare o sono disposti a proseguire nel 2019 
• Riciclare/fare la raccolta differenziata dei rifiuti qualora possibile – 71%
• Acquistare prodotti locali e di stagione qualora possibile – 47%
• Ridurre la quantità di rifiuti prodotti – 42%
Ridurre il consumo elettrico – 40%
• Smettere di acquistare prodotti in plastica – 35%
• Consumare meno in generale – 35%
• Utilizzare più spesso i mezzi pubblici al posto dell’auto – 30%
• Utilizzare più spesso la bicicletta al posto dell’auto – 27%
• Utilizzare energia verde – 25%
• Viaggiare meno spesso in aereo – 6%
• Non so – 2%
• Nessuna di queste misure – 1%
• Non esiste alcun cambiamento climatico – 1%

Classifica delle entità cui, secondo gli italiani, competono le maggiori responsabilità nell’ambito della lotta ai cambiamenti climatici 
• I cittadini – 37% 
• I governi nazionali – 24%
• Le organizzazioni internazionali o mondiali (ad esempio l'Unione europea, le Nazioni Unite, la Banca mondiale) – 19% 
• Le amministrazioni locali – 11%
• Le aziende e le società – 6%
• Non so – 4%
• Non esiste alcun cambiamento climatico – 0%
• Altri enti – 0%.

Tommaso Tautonico
autore

condividi su

Articoli correlati
  • deforestazione
    Leggi
    22/02/2017 - 12:58
    Ambiente
    La banca europea HSBC si impegna contro la deforestazione

    HSBC, la più grande banca europea, si schiera in favore della sostenibilità ambientale e sociale. Nuova politica contro deforestazione, drenaggio delle torbiere, sfruttamento di lavoratori e comunità locali.

  • Leggi
    25/06/2014 - 14:42
    Ambiente
    Ambiente: sondaggio della UE tra i cittadini sull'acqua potabile in Europa

    La Commissione europea ha lanciato oggi una consultazione pubblica sulla politica dell'UE in materia di acqua potabile, allo scopo di identificare le aree suscettibili di miglioramento. La consultazione rappresenta una risposta concreta a Right2Water, il primo esempio di "iniziativa dei cittadini...

  • Leggi
    01/01/2013 - 01:00
    Ambiente
    Sondaggio sulla politica europea per la biodiversità

    C'e' ancora tempo per esprimere il proprio parere sulle linee politiche da adottare, a livello europeo e per i prossimi 10 anni, al fine di raggiungere un importante obiettivo: salvaguardare la biodiversità.

  • Leggi
    01/01/2013 - 01:00
    Ambiente
    Adeguare le città per i cambiamenti climatici

    "Le città oggi implicano i movimenti di milioni di persone che quotidianamente si recano sui luoghi di lavoro e di studio. Dal 1984 ad oggi si sono moltiplicate le auto in circolazione e le città sono rimaste sostanzialmente ancorate allo stesso modello di sviluppo, che si traduce essenzialmente in...