19/11/2016 - 11:43

I 1000 giorni del governo Renzi. Il premier annuncia i risultati raggiunti

Il premier Matteo Renzi rende noti i risultati raggiunti in 1000 giorni di governo. A partire dall'aumento del Pil e dell'occupazione

Tra il primo trimestre del 2014 e quello del 2016 nel nostro Paese il Pil ha registrato un aumento dell’1,6% e una dimininuzione del rapporto tra il deficit e il Pil dello 0,4%. Nello stesso periodo i consumi delle famiglie italiane sono aumentati del 3%, mentre nei mesi agosto/settembre 2016 il debito pubblico è sceso di 43 miliardi di euro.
renzi_mille_giorni_governo
Tra il primo trimestre del 2014 e quello del 2016 nel nostro Paese il Pil ha registrato un aumento dell’1,6% e una dimininuzione del rapporto tra il deficit e il Pil dello 0,4%. Nello stesso periodo i consumi delle famiglie italiane sono aumentati del 3%, mentre nei mesi agosto/settembre 2016 il debito pubblico è sceso di 43 miliardi di euro. Sono questi alcuni dei dati diffusi dal presidente del Consiglio, Matteo Renzi, in occasione della presentazione alla stampa dei risultati raggiunti nei suoi 1000 giorni di governo. 

Sul fronte dell’occupazione, tra febbraio 2014 e settembre 2016 nel nostro Paese ci sono stati 656mila occupati in più, di cui 487mila a tempo indeterminato, mentre gli inattivi sono diminuiti di 665mila unità. Nello stesso periodo il tasso di disoccupazione è sceso in generale dell’1,1%, ma tra i giovani la diminuzione è stata del 5,9%, ha spiegato Renzi.

Quanto alla produzione industriale, sempre tra febbraio 2014 e settembre 2016 l’aumento è stato del 2,3%, mentre l’export è salito del 7,4%. Nello stesso periodo la bilancia commerciale ha registrato un +18,3 miliardi di euro e la fiducia dei consumatori è aumentata del 13,4%. 

Infine, il premier ha annunciato come negli ultimi due anni le procedure di infrazione della commissione Europea nei confronti del nostro Paese sono passate da 119 a 72 (-47) e la percentuale di adozione di decreti attuativi è salita del 32%. 

Rosamaria Freda
Direttore Editoriale

condividi su