07/08/2017 - 00:32

Gruppo CAP: qualità dell’acqua milanese controllata h24

Un milione e 200mila euro a supporto del Water Safety Plan che nel frattempo si estende sui territori di Bussero, Cassina de’ Pecchi e Cernusco sul Naviglio

Monitorata in tempo reale, 24 ore su 24, per prendersi cura di parametri come la temperatura, la conducibilità, i nitrati, il cromo: è l’acqua dei 32 pozzi del Milanese sui quali Gruppo CAP ha già installato il nuovo e innovativo sistema di monitoraggio Early Warning, che prevede una rete di sonde/analizzatori in continuo per garantire il controllo da remoto della qualità dell’acqua. 
 
I 32 pozzi hi-tech diventeranno 60 entro fine anno, con l’obiettivo di estendere in tempi rapidi l’applicazione della nuova tecnologia su tutto il territorio gestito da Gruppo CAP. 
I vantaggi: prevenire e gestire al meglio le eventuali criticità, a tutto vantaggio della qualità dell’acqua del rubinetto.
 
Un intervento in cui l’azienda pubblica del servizio idrico milanese sta investendo 1 milione e 200mila euro, e che rappresenta un supporto fondamentale per il Water Safety Plan, il rivoluzionario sistema di analisi dell’acqua che prevede più controlli, più prelievi, più parametri nell’intera filiera idro-potabile, da quando l’acqua entra nell’acquedotto fino al punto di erogazione finale. 
 
Introdotto recentemente dalla normativa europea, che presto lo renderà obbligatorio in ogni Stato dell’UE, il WSP è stato adottato per la prima volta in Italia proprio da Gruppo CAP, in collaborazione con l’Istituto Superiore di Sanità.
 
La posa in opera delle sonde e analizzatori sui prossimi 30 pozzi avverrà tra settembre e ottobre. 
Nello stesso periodo, il Water Safety Plan di Gruppo CAP verrà esteso al sistema acquedottistico Martesana, che include i comuni di Bussero, Cassina de’ Pecchi e Cernusco sul Naviglio.
 
Dopo l’avvio, lo scorso marzo, nei tre comuni del Legnanese (Legnano, Cerro Maggiore e San Giorgio), il Water Safety Plan è già stato adottato anche a Cologno Monzese e Vimodrone e proprio in queste settimane si sta lavorando per l’estensione sul sistema acquedottistico del Sempione (Bareggio, Cornaredo, Pogliano, Pregnana, Settimo Milanese, Vanzago).
 
Nel concreto, l’applicazione dell’Early Warning System al piano di sicurezza per l’acqua permette di avere sempre sotto controllo la qualità dell’acqua nei vari pozzi. 
 
In caso di anomalie sulla concentrazione di un parametro, Gruppo CAP può intervenire e verificare il dato di allerta con un’analisi tempestiva di laboratorio. 
 
Laddove la criticità venisse confermata, l’azienda idrica ha quindi tempo di mettere in atto le azioni necessarie per risolvere il problema. 
 
La sfida futura sarà quella di avere sistemi di Early Warning che possano monitorare molti più parametri contemporaneamente.
Andrea Pietrarota
Direttore Responsabile

condividi su

Articoli correlati
  • Leggi
    29/06/2016 - 20:00
    Ambiente
    Gruppo CAP: soluzioni innovative per la gestione dei fanghi reflui

    Individuare le soluzioni tecnologiche più innovative ed efficienti per valorizzare i fanghi residui della depurazione in chiave di economia circolare. È l'obiettivo della consultazione preliminare di mercato aperta da Gruppo CAP nell'ambito di WaterPIPP (Public Innovation Procurement Policy), il...

  • Leggi
    23/02/2016 - 11:30
    Ambiente
    Gruppo CAP: la casa dell'acqua è arrivata a Pero

    Ieri a Pero è stata inaugurata una nuova Casa dell'Acqua realizzata dal Gruppo CAP, alla presenza del sindaco Maria Rosa Belotti e del presidente del Gruppo CAP Alessandro Russo. Si tratta di un impianto per la distribuzione di acqua naturale e frizzante proveniente direttamente dall'acquedotto...

  • Leggi
    01/04/2017 - 13:12
    Ambiente
    Economia circolare, Gruppo Cap premiato da Legambiente

    Il riconoscimento come “Campione di economia circolare” è stato assegnato lo scorso 30 aprile in occasione dell’arrivo del Treno Verde a Milano

  • Gruppo CAP: Come sarà l’industria del domani? Sensibile, resiliente e capace di innovare
    Leggi
    27/04/2019 - 17:15
    Economia
    Gruppo CAP: Come sarà l’industria del domani? Sensibile, resiliente e capace di innovare

    In occasione del convegno “L’industria che verrà. Sensibile, resiliente, capace di innovare. Come cambia il panorama industriale di fronte ai nuovi scenari economici, sociali, tecnologici e ambientali”, Gruppo CAP presenta un ambizioso piano che guarda al 2033, per far fronte alle sfide dei...