12/04/2022 - 18:13

Gruppo Bauli: per Pasqua 2022 il Gruppo spinge sull'eco-packaging

Il Gruppo Bauli è la prima realtà nel settore a proporre il packaging della Colomba interamente riciclabile.

 

Gruppo Bauli, eco-packaging

Nell’anno del suo Centenario il Gruppo Bauli spinge sulla sostenibilità. Per la prima volta sul mercato, in occasione di Pasqua 2022, l’azienda propone le iconiche colombe Bauli – la Colomba Classica e quella di Verona - in un pack sostenibile, con confezione in cartone - compresa la maniglia che sostituisce il classico laccetto di tessuto -, e pirottino di contenimento della colomba, in materiale compostabile certificato. Il Gruppo è così la prima azienda nel settore delle ricorrenze a introdurre sul mercato il packaging di questo prodotto interamente riciclabile e compostabile.  

L’iniziativa rappresenta un ulteriore passo avanti nel percorso intrapreso da tempo dal Gruppo per ridurre il proprio impatto sull’ambiente, con azioni che nell’ambito dell’eco-packaging vanno anche oltre il segmento delle ricorrenze e si estendono a quello dei prodotti continuativi: a partire da marzo, infatti, le referenze croissant Bauli (sia i Classici che BuonEssere) sono proposte con una significativa riduzione delle dimensioni della vaschetta, con un risparmio importante dei materiali impiegati e un efficientamento sensibile dei trasporti

Azioni queste che rappresentano il percorso che Bauli ha intrapreso e che impattano anche sull’ambiente. E i numeri lo dimostrano: grazie a questa iniziativa, il Gruppo ha reso compostabili più di 100 mila Kg di pirottini. Se si dovesse percorrere una strada fatta con le manigliette di tessuto oggi sostituite con cartoncino riciclabile, bisognerebbe camminare per 550 chilometri. Con la riduzione del pack dei croissant il Gruppo ha inoltre risparmiato non solo sui materiali - 200 mila Kg di carta e 50 mila Kg di plastica – ma anche sui trasporti: ci saranno in circolazione1400 automezzi in meno ogni anno con una riduzione di 400 mila chilometri percorsi, equivalenti a 386 tonnellate di CO2.

“Le importanti innovazioni che abbiamo introdotto in tema packaging rappresentano solo un tassello di un percorso più ampio e articolato per ridurre il nostro impatto sull’ambiente”, ha dichiarato Michele Bauli, presidente del Gruppo Bauli, aggiungendo: “Quest’anno l’impegno verso una maggiore sostenibilità ricopre un ruolo ancora più centrale nelle nostre strategie di business, e questo interessa in maniera trasversale tutto il nostro processo produttivo: dall’efficientamento energetico e l’utilizzo di fonti rinnovabili alla gestione dei rifiuti, dalla logistica sostenibile al risparmio idrico, dalla riduzione degli sprechi fino infine all’eco-packaging. Uno sforzo che siamo orgogliosi di portare avanti e di rafforzare in particolare nel 2022, un anno importante e simbolico nel quale celebriamo il Centenario della nostra nascita”.

Marilisa Romagno
autore

condividi su