28/08/2013 - 12:54

Green room e la moda sostenibile

Lanciata nella P/E '10, la ASOS Green Room propone le marche più cool in fatto di moda sostenibile. La piattaforma eco presenta una gamma di tessuti ecologici e sostiene i principi del commercio equosolidale e della manifattura tradizionale.
La Green Room ospita anche una gamma di capi 'Made in the UK' che sostengono i produttori locali, oltre alla nostra collezione ASOS AFRICA, che è disegnata in-house ed è prodotta in Kenya, in continua collaborazione con SOKO.

Glossario ASOS moda sostenibile
Ecco la guida per navigare la (a volte ambigua) terminologia della moda sostenibile. "Fairtrade", ovvero commercio equo solidale, è un termine ufficiale accreditato presso un'organizzazione riconosciuta a livello internazionale, noi ne abbiamo creati altri per indirizzarti verso i temi che ti interessano di più: http://www.asos.com/it/La-Green-Room-Glossario-ASOS/ubgp/?cid=13694

ASOS Africa P/E'13 è prodotta in collaborazione con SOKO Kenya, che consente alle comunità di creare lavoro sfruttando le competenze locali (http://www.asos.com/it/Donna-Marche-dalla-A-alla-Z-ASOS-Africa/2gvst/?cid=15683)

People Tree di SafiaMinney
La maggior parte della gente vuole trovare la soluzione, non il problema. È per questo che ho fondato People Tree in Giappone 20 anni fa, per creare abiti 100% equosolidali, che utilizzano materiali tessuti a mano, naturali e biologici. Ci sono molte persone che hanno aiutato People Tree a diventare un'etichetta all'avanguardia. Ho collaborato con Anita Roddick quando ha apertoil primo Body Shop in Giappone. Sarebbe stupendo se People Tree riuscisse a realizzare per la modaquelloche Body Shop ha realizzato per la cosmetica.

People Tree un team di stilisti a Londra e a Tokyo. I tessuti ecologici e l'artigianato sono il nostro credo. La nostra aspirazione è offrire bellissimi abiti a prezzi abbordabili e vogliamo anche collaborare di più con persone come Emma Watson e stilistiinternazionali come Bora Aksu e OrlaKiely. Speriamo di proporvi la miglior moda equosolidale possibile.
Marilisa Romagno
autore

condividi su