27/11/2019 - 18:01

Green Friday: Rifò per la moda ecosostenibile propone il maglione Emmobasta

Rifò non aderisce al modello consumistico del Black Friday, ma rilancia con la seconda edizione del Green Friday. Propone il maglione in cashmere rigenerato ricamato a mano dalla designer AlmenoNevicasse. Per ogni prodotto acquistato saranno devoluti 5 euro alla compagna di sensibilizzazione del movimento internazionale Fashion Revolution.

moda ecosostenibile

Anche quest’anno Rifò, giovane brand pratese di moda ecosostenibile, non aderisce al modello consumistico del Black Friday, ma rilancia con la seconda edizione del Green Friday, la sua iniziativa benefica a favore di una moda più etica e giusta, che quest’anno si limita al solo “venerdì nero” ma si estende dal 25 novembre al 2 dicembre. 
Per l’occasione Rifò presenta il maglione in edizione speciale “EMMOBBASTA” in cashmere rigenerato (97% cashmere 3% lana) ricamato a mano dalla designer pratese AlmenoNevicasse (€120). Ma tutti i prodotti delle collezioni Rifò contribuiscono all’iniziativa, dai maglioni e accessori in cashmere rigenerato, a quelli in denim riciclato e rigenerato fino alle t-shirt in cotone rigenerato e polietilene derivato in parte dalle bottigliette di plastica recuperate dal mare.
 
Per tutta la settimana Rifò devolverà 5 euro per ogni prodotto acquistato sul sito www.rifò.lab.com, contribuendo alla raccolta fondi di Fashion Revolution, il movimento internazionale che unisce persone e organizzazioni in un comune lavoro per cambiare radicalmente il modo nel quale i vestiti vengono prodotti e acquistati, per far si che vengano realizzati in condizioni giuste e umane, da un’industria che valorizza la trasparenza e la sostenibilità.

Rifò, come sempre, non aderisce a nessuna tipologia di saldo stagionale o svendita speciale – specifica Niccolò Cipriani, fondatore di Rifò insieme a Clarissa Cecchi – ci impegniamo a mantenere tutto l’anno prezzi giusti e garantiamo la durevolezza dei nostri capi, sicuri della qualità con cui sono prodotti. Siamo contrari al consumo compulsivo d’abbigliamento e alla moda usa e getta, che sono agli antipodi dell’idea con cui è nato Rifò, contrastare sovraproduzione e sovraconsumo nel mondo della moda; anzi vogliamo promuovere una moda sempre più ‘emozionale’ che porti ad affezionarci ai nostri capi tanto non volercene separare più”.

Marilisa Romagno
autore

condividi su

Articoli correlati
  • green fashion
    Leggi
    20/05/2018 - 13:17
    Tessile
    A Copenhagen la moda si fa sostenibile e certificata PEFC

    Circular ecomomy e Green fashion: ecco gli abiti interamente creati con tessuti derivanti dal bosco.

  • Leggi
    12/05/2016 - 19:30
    Ambiente
    A Copenhagen, il summit mondiale sulla Moda sostenibile

    Dal 10 al 12 Maggio, Copenhagen è diventata sede di un confronto mondiale sulla Moda sostenibile. Un appuntamento, articolato in tre eventi, a cui hanno partecipato tutti i maggiori decision makers dell'industria tessile e della moda, impegnati nel ridurre l'impatto della produzione e della...

  • Leggi
    30/11/2012 - 14:00
    Ambiente
    Accordo sull'impronta di carbonio nel settore moda

    Il ministro dell'ambiente Corrado Clini e Brunello Cucinelli hanno firmato a Solomeo (Perugia) un accordo di collaborazione che prevede il calcolo dell'impronta ambientale dei prodotti dell'impresa umbra che sta ottenendo importanti successi nel mercato internazionale del fashion.

  • Leggi
    05/03/2013 - 19:00
    Ambiente
    Alla settimana della moda di Parigi Greenpeace sfida Chanel a duello

    Questa mattina, a pochi minuti dalla sfilata di Chanel al Grand Palais di Parigi, Greenpeace ha sfidato a duello la nota casa di moda. Alcuni attivisti hanno aperto sulla facciata del noto palazzo parigino un grande striscione con scritto "Chanel, dépolluez la mode!" (Chanel Ripulisci la moda).