29/11/2016 - 17:22

Green economy: smart cities volano per l'Italia

La sessione finale degli Stati Generali della Green Economy è stato un focus sulle smart cities. La capacità di implementare tecnologie intelligenti e sostenibili trainano la green economy.
green economy
Le smart cities possono essere un volano per la green economy; per questo la sessione finale degli Stati Generali ad Ecomondo si è focalizzata sulle best practice a livello mondiale. A portare una visione futuribile e concreta delle smart cities è stato soprattutto Carlo Ratti Direttore del Senseable City Lab al Massachusetts Institute of Technology di Boston. Ratti ha messo in luce come la combinazione tra reti infrastrutturali classiche, reti digitali per gestire gli open data, veicoli smart e i principi della sharing economy possono rivoluzionare la mobilità e l'assetto urbano con un impatto estremamente positivo su qualità dell'ambiente e della vita dei cittadini.

Ashima Sukedev della Ellen MacArthur Foundation ha invece concentrato il suo intervento su come applicare i principi della circular economy alle città, dalla fase della pianificazione fino a quella della gestione delle risorse, portando esempi dalle esperienze di Londra, Helsinki e San Paolo.

Da Pechino è arrivata invece la testimonianza di Li Xiaohua Vice Direttore Generale del Dipartimento per la protezione ambientale della Municipalità Cinese. Al centro del suo intervento i risultati ottenuti nel trasformare una città energivora e caotica attraverso azioni concrete sulle fonti di energia rinnovabile, la mobilità pubblica sostenibile e la gestione dei rifiuti.

L'ultimo intervento internazionale è stato quello di Mark Halle, impegnato sulla piattaforma "Inquiry" dell'UNEP, che ha posto l'accento sull'esigenza di una finanza di tipo nuovo che sia in grado di reperire e rendere disponibili i miliardi di euro necessari per uno sviluppo solido e durevole della green economy.

Nel corso della Sessione plenaria si sono susseguiti anche gli interventi di esperti italiani tra cui Rossella Muroni, Presidente Nazionale di Legambiente; Carlo Tamburi, Direttore Italia di Enel; Lorenzo Radice, Responsabile Sostenibilità del Gruppo FSI; Alessia Bettini, Assessore all'Ambiente del Comune di Firenze e Carlo Medaglia, Capo Segreteria Tecnica del Ministro dell'Ambiente.
Tommaso Tautonico
autore

condividi su

Articoli correlati
  • Leggi
    15/07/2013 - 18:03
    Ambiente
    Acqua: 4 proposte per la Green Economy

    Perdite di rete in media superiori al 35% (ma si arriva anche la 70%), rete fognaria che ancora non serve il 15% degli italiani, depuratori malgestiti, inadeguati o addirittura inesistenti per un italiano su tre, acqua che esce a singhiozzo dai rubinetti, soprattutto a sud, circa il 35% dei corpi...