19/03/2016 - 12:39

Giornata Mondiale dell'Acqua. Gli ottimi dati della Water Footprint della produzione di carne in Italia

La produzione di carne in Italia è tra le più virtuose, presentando consumi idrici inferiori alla media internazionale (vedi link in fondo all'articolo per l'approfondimento in merito). Infatti, rispetto alla media mondiale di 15.415 litri di acqua per 1 kg di carne bovina, l’Italia impiega 11.500 litri di acqua, di cui l’87% è costituito da “green water”, ovvero acqua proveniente da fonti rinnovabili. Vediamo cos'è e come si misura la Water Footprint e la Clessidra Ambientale messa a punto dal progetto Carni Sostenibili promosso dalle tre associazioni - Assocarni, Assica, Unaitalia
La  water footprint[1] è data dalla somma di tre contributi in parte reali e in parte virtuali: l’acqua di evapotraspirazione utilizzata dalle piante per vivere (green water), l’acqua effettivamente utilizzata dai processi produttivi o per irrigare i campi (blue water) e l’acqua virtualmente necessaria a diluire e  depurare gli scarichi (grey water).

Per i prodotti agroalimentari, la componente di “acqua verde” è di gran lunga la più significativa delle tre, arrivando a costituire la quasi totalità dell’impatto.

A livello complessivo l’intero settore delle carni ( bovino, avicolo e suino)  impiega per l’80-90% risorse idriche che fanno parte del naturale ciclo dell’acqua e che vengono restituite all’ambiente come l’acqua piovana;solo il 10-20% dell’acqua necessaria per produrre 1 kg di carne viene quindi effettivamente consumata .

La Clessidra Ambientale

Un consumo di carne moderato non solo apporta benefici all’organismo, ma è anche sostenibile per l’ambiente come viene mostrato dalla Clessidra Ambientale, che rappresenta graficamente l’impatto ambientale del consumo di cibo per una settimana: la moltiplicazione degli impatti dei singoli alimenti per le quantità settimanali suggerite dai nutrizionisti, ad esempio per mezzo della piramide alimentare proposta dal CRA-NUT (oggi CREA),  evidenzia  come mangiare carne in giusta quantità non comporti un aumento significativo dell’impatto ambientale.

La Clessidra Ambientale è il fulcro del progetto Carni Sostenibili promosso dalle tre associazioni - Assocarni, Assica, Unaitalia - che rappresentano tutte le filiere delle carni in Italia (bovino, suino e avicolo) che ha l’obiettivo di trattare in modo trasversale tutti gli argomenti legati al mondo delle carni: un progetto senza precedenti in Italia che, con un approccio formativo e informativo, vuole contribuire ad una comunicazione equilibrata su salute, alimentazione e sostenibilità.

www.carnisostenibili.it

Leggi l'articolo:
"Green Water. La produzione italiana di carne è tra le più virtuose al mondo, per i minori consumi idrici e l'impiego di acqua proveniente da fonti rinnovabili".



[1] Secondo quanto stabilito dal Protocollo di rendicontazione messo a punto dal Water Footprint Network -  www.waterfootprint.org
Andrea Pietrarota
Direttore Responsabile

condividi su