20/03/2018 - 18:53

FIPER: nuova legge di Riforma forestale: priorità gestione attiva e razionale del patrimonio forestale

Ambiente ed energia. Walter Righini, presidente FIPER, Federazione di Produttori di Energia da Fonti Rinnovabili:” la nuova legge rappresenta un segnale importante per lo sviluppo delle aree montane e l’economia del Paese”.

“Un segnale importante da parte del Governo uscente per lo sviluppo delle aree montane” commenta così il presidente FIPER Walter Righini l’approvazione del Nuovo Codice Forestale da parte del Consiglio dei Ministri del 16 marzo, che andrà nei prossimi giorni alla firma di Mattarella.

FIPER: nuova legge di Riforma forestale: priorità gestione attiva e razionale del patrimonio forestale

Ambiente ed energia. Walter Righini, presidente FIPER, Federazione di Produttori di Energia da Fonti Rinnovabili:” la nuova legge rappresenta un segnale importante per lo sviluppo delle aree montane e l’economia del Paese”.

“Un segnale importante da parte del Governo uscente per lo sviluppo delle aree montane” commenta così il presidente FIPER Walter Righini l’approvazione del Nuovo Codice Forestale da parte del Consiglio dei Ministri del 16 marzo, che andrà nei prossimi giorni alla firma di Mattarella.

Viene promossa dal testo la gestione sostenibile del bosco. Stop quindi alle visioni anacronistiche e ultraconservative di un bosco intoccabile e che si autogestisce in nome della conservazione della biodiversità, ma con tutti i danni e le conseguenze ben note. Viene finalmente sancito a livello legislativo il principio di “promuovere la gestione attiva e razionale del patrimonio forestale nazionale al fine di garantire le funzioni ambientali, economiche e socio-culturali”.

“Con soddisfazione abbiamo partecipato come FIPER al tavolo della filiera bosco legno promossa dal MIPAAF con l’obiettivo di favorire il confronto e creare sinergie tra i diversi portatori di interesse; la Riforma Forestale è un risultato frutto di una concertazione durata quattro anni con l’obiettivo di “smobilitare” la risorsa legno presente sul territorio nazionale secondo il principio dell’uso a cascata”.

Conclude Righini: ”10,9 milioni di ettari di patrimonio boschivo, un terzo del territorio italiano. Un potenziale impressionante sia per la filiera produttiva che energetica. L’auspicio che il nuovo Governo dia un segnale di continuità e favorisca l’impiego di questa risorsa per il rilancio dell’economia”.

 

FIPER, energia in azione in sintonia con l’ambiente.
La Federazione di Produttori di Energia da Fonti Rinnovabili - FIPER rappresenta i produttori di biomassa legnosa, i gestori di impianti di teleriscaldamento e biogas/biometano alimentati da fonti rinnovabili.

Dalla sua costituzione nel 2001, l’obiettivo della Federazione è tutelare e promuovere il settore della produzione di calore e elettricità (co-generazione) da biomasse e biogas agricolo, nel rispetto dell’ambiente, della qualità dell’aria, dei suoli e del paesaggio dove hanno sede gli impianti. 

Dare la possibilità ai giovani di vivere e realizzarsi in montagna e nelle aree rurali rappresenta una sfida per la Federazione, perché crediamo che produrre energia da fonte rinnovabile significhi presidiare e creare reddito sul territorio. 

Piccole e medie “Comunità dell’Energia” basate sull’impiego delle risorse locali, realizzate a partire dalla condivisione con gli abitanti, le imprese, le istituzioni del territorio rappresentano secondo FIPER l’alternativa all’impiego delle fonti fossili e il primo passo verso l’emancipazione dell’Italia dalle importazioni estere.

FIPER in numeri:

  • 84 impianti di teleriscaldamento a biomassa 
  • 109 impianti a biogas agricolo e gassificazione 
  • 441 MW potenza termica caldaie a biomassa 
  • 588 MW installati presso le utenze finali 
  • 30 MW elettrici in cogenerazione
  • 70 MW elettrici dal biogas agricolo 
  • 1.781 km rete di trasmissione calore
  • 780.000 t biomassa legnosa impiegata
  • 68,2 milioni di Euro fatturati di energia termica 
  • 328.000 t di CO2 risparmiata nell’utilizzo di energia termica ed elettrica in cogenerazione con impianti di teleriscaldamento 
  • 82,6 mln l di gasolio risparmiato nell’utilizzo di energia termica 
  • 300.000 t di CO2 risparmiata nella produzione di energia elettrica con impianti di biogas 
  • 19.046 utenze allacciate al teleriscaldamento

Dati aggiornati al 31 dicembre 2016

Andrea Pietrarota
Direttore Responsabile

condividi su

Articoli correlati
  • Leggi
    19/12/2014 - 13:00
    Fossili
    Accordo Fiper-Syneco per incentivare l'efficienza energetica

    Presso il Comitato Termotecnico Italiano è stato siglato ieri l'accordo tra il presidente FIPER, Walter Righini e Rupert Rosanelli, AD di Syneco Consulting, per favorire presso gli impianti di teleriscaldamento a biomassa e negli edifici allacciati ai medesimi interventi di efficienza energetica...

  • Leggi
    28/05/2015 - 21:48
    Fossili
    Banda Ultra Larga in Italia. Siglato protocollo tra FIPER e Infratel-Invitalia

    FIPER e Infratel-Invitalia firmano un protocollo d’intesa per l’introduzione della BUL nei Comuni già tele riscaldati a biomassa e della fibra ottica nelle nuove reti di teleriscaldamento. L’Agenda Digitale Europea individua nelle infrastrutture di comunicazione a banda larga e ultralarga la...

  • Leggi
    13/01/2014 - 20:21
    Fossili
    FIPER: riciclare la legna marina per produrre energia rinnovabile

    FIPER a Ministro Orlando: la legna sulle spiagge, sulla base del DM 6 Luglio 2012 del MISE, potrebbe già essere utilizzata per la produzione di energia rinnovabile. Da oltre 2 anni FIPER sollecita il Ministero dell’Ambiente circa l’adozione del Decreto attuativo relativo ai sottoprodotti da...

  • Leggi
    30/03/2015 - 12:58
    Fossili
    FIPER: teleriscaldamento a biomassa grande potenzialità ma occorre normativa chiara

    E' questo il messaggio che FIPER lancia al governo. Ci sono 801 Comuni in Italia non metanizzati che potrebbero essere teleriscaldati. Senza una normativa quadro chiara gli investimenti stentano a decollare. Righini: "La filiera bosco-legno-energia presidia il territorio, crea lavoro permanente,...