19/05/2013 - 10:43

Festival del verde: arriva VegeTableTM, l'orto su ruota

Da venerdì 17 maggio e fino al 19 maggio, il VegeTableTM, il nuovo orto prêt-à-porter, sarà esposto allo stand 10 del Festival del Verde e del Paesaggio che si terrà all'Auditorium Parco della Musica di Roma. Sarà un'imperdibile occasione per ammirare dal vivo e per acquistare questo innovativo sistema modulare in legno massello che permette di coltivare un piccolo orto ovunque e con grande facilità.
 
L'innovazione è stata ideata e realizzata dall'ingegner Giacomo Borta, il vegeTable™, è una scelta di verde che trova il suo spazio sia sul terrazzo di casa, ma anche presso le aziende, la ristorazione, le scuole. Non solo: esso vuole essere un valido sostegno per i pazienti costretti a degenze prolungate in strutture ospedaliere. 
 
Il vegeTable™ rappresenta perciò un elemento d'arredo fedele al concetto su cui si basa il Festival del Verde e del Paesaggio, il contenitore che accoglie, lancia e amplifica le idee per migliorare il nostro paesaggio quotidiano, inteso come luogo che abitiamo e trasformiamo. 
 
Il Festival viaggia fra diversi ambiti e linguaggi del paesaggio contemporaneo, in un'ottica di valorizzazione estetica e di perfezionamento della qualità della vita di un territorio, in particolar modo della città. 
 
Il vegeTable™ trova così all'interno del Festival la sua giusta posizione, perché rappresenta l'oggetto ideale per chi vuole contrastare il grigiore della città, per chi ambisce a un cambiamento o semplicemente ama il verde, è quindi lo valuta come alternativa per abbellire il terrazzo, arricchendo anche la cucina con ortaggi e piante aromatiche di propria produzione. Uno strumento perfetto anche per le aziende che, disponendo del vegeTable™ negli spazi comuni, possono offrire un'atmosfera più distesa migliorando coì anche la propria immagine. 
 
Il vegeTable™ è realizzato con materiali di primissima qualità, si sposta facilmente grazie alle rotelle ed è disponibile in due altezze: il più alto è pensato per lavorare senza chinarsi, mentre il più piccolo è dedicato ai bambini o ai disabili che possono utilizzare la struttura con grande semplicità e comfort. 
 
(autore: Maria De Giovanni)
Redazione
autore

condividi su