08/08/2017 - 00:39

FAKRO a fianco della sostenibilità ambientale e dell'efficienza energetica

Dalle materie prime naturali al miglioramento dell’efficienza energetica: l'azienda FAKRO attua costantemente politiche ecosostenibili per la salvaguardia dell'ambiente e l'efficientamento energetico.
Secondo player mondiale nel settore delle finestre da tetto, FAKRO da sempre lavora prestando grande attenzione al tema della sostenibilità e sviluppando le proprie soluzioni in modalità il più possibile eco-friendly.

Con l’importante mission di implementare il confort e la sicurezza delle mansarde, la società affianca ormai da anni evoluzione tecnologica e salvaguardia ambientale, non solo in termini di prodotti proposti ma anche di ciclo produttivo.

L'impegno dell’azienda in termini di sostenibilità  inizia già dalle materie prime: il legname con cui sono realizzati i serramenti FAKRO - oltre ad essere un legno di pino accuratamente selezionato, materiale naturale per eccellenza – ha la certificazione FSC, che assicura la gestione responsabile delle foreste da parte delle realtà che lo lavorano.

Il legno viene poi stagionato ed essiccato all’interno di innovativi ed ecologici impianti che ricavano calore dalla segatura e dagli scarti accumulatisi nelle varie fasi produttive. Inoltre, per proteggere il legno e impedire l'emissione di composti organici nell'aria, viene applicata sulla superficie una vernice a base d'acqua, completamente ecologica.

Sempre per quanto riguarda l'uso di materiali naturali, FAKRO, per una posa a regola d’arte, utilizza lana di pecora per assicurare le migliori performance di isolamento termico.

Grazie infatti alle sue caratteristiche di densità ed elasticità, la lana riesce a riempiere perfettamente gli spazi attorno alla finestra, garantendo a quest’ultima anche un elevato livello di efficienza energetica.

La lana, inoltre, è un prodotto naturale, ecologico e privo di odore, che non causa irritazione alla pelle o agli occhi durante la fase di assemblaggio.

Sostenibilità e salvaguardia ambientale sono per FAKRO non una teoria, ma la concretezza su cui si basa anche l'implementazione di nuove strategie per la gestione dei rifiuti e per l'utilizzo di energie alternative nei propri impianti.

Oltre ad aver introdotto misure di recupero e riciclaggio dei rifiuti per minimizzarne la quantità prodotta nei propri stabilimenti, FAKRO riutilizza gli scarti provenienti dalle lavorazioni del legno.

"In tutte le sedi dell'azienda, gli spazi dedicati alla produzione e agli uffici vengono riscaldati in modo ecologico – ha spiegato il Direttore FAKRO Italia Bruno Pernpruner - la fonte di energia usata a questo scopo è infatti una biomassa ottenuta dai rifiuti dei processi produttivi mischiata a trucioli di salice provenienti da una piantagione di salici di proprietà dell’azienda".

Attualmente la piantagione ricopre un'area di circa 20 ettari, ognuno dei quali fornisce annualmente 20-25 tonnellate di materiale.

"Nel solo mese di febbraio 2017 abbiamo raccolto 300 tonnellate di trucioli – ha aggiunto Bruno Pernpruner - Dalla loro combustione sarà possibile ottenere circa 3300 GJ di energia, che verranno utilizzati per riscaldare gli stabilimenti di produzione. Usare fonti energetiche alternative e rinnovabili risulta essere inoltre vantaggioso non solo in termini ecologici ma anche economici: un GJ di energia termica prodotta attraverso il legno di salice ha un costo pari a circa 3,5 euro, ovvero meno della metà rispetto al gas naturale e meno di un terzo rispetto all'olio combustibile.”

Il costante impegno di FAKRO a rendere ecosostenibile l'intera filiera di produzione sposa – in anticipo sui tempi – le direttive europee che prevedono per il 2020 che il 20% dell'energia utilizzata provenga da fonti di energia rinnovabili.

www.fakro.it

Andrea Pietrarota
Direttore Responsabile

condividi su

Articoli correlati
  • Leggi
    22/12/2012 - 17:00
    Edilizia
    A Capannori si produrrà canapa per l'edilizia sostenibile

    La coltivazione della pianta riprende dopo 50 anni. Alcuni agricoltori hanno già assicurato il loro impegno. Da marzo 2013 i campi capannoresi produrranno canapa per l'edilizia sostenibile e la mobilia ogni ettaro coltivato a canapa potrà portare una resa netta di circa 500 euro.

  • edilizia sostenibile
    Leggi
    27/01/2017 - 13:25
    Edilizia
    A Klimahouse le nuove soluzioni per un'edilizia sostenibile

    MyDATEC partecipa a Klimahouse, l’appuntamento fieristico che si tiene a Bolzano fino al 29 gennaio dedicato alle novità tecnologiche a servizio dell’edilizia e dell’architettura sostenibile.

  • Leggi
    01/01/2013 - 01:00
    Ambiente
    Cambiamenti climatici & edilizia sostenibile

    Le finestre devono essere piccole se orientate a sud e le grandi vetrate vanno pensate sulla parete dell'edificio che dà verso nord: queste sono solo due delle strategie emerse nel corso della prima giornata del convegno internazionale "In Case Of Sun".

  • Leggi
    09/03/2013 - 11:00
    Cresce l'edilizia sostenibile: rapporto ONRE di Legambiente e Cresme

    Crescono innovazione e sostenibilità nel panorama dell'edilizia italiana con una spinta "dal basso". Sono, infatti, 1.003 i Comuni italiani che hanno modificato i propri regolamenti edilizi per inserire nuovi criteri e obiettivi energetico-ambientali in modo da migliorare le prestazioni delle...