31/01/2017 - 17:22

Energia elettrica, Mise: al via regime di aiuti da 320 mln per le smart grids

Arriva il decreto del Mise che stabilisce il regime di aiuti per le smart grids.

E’ operativo il provvedimento, firmato dal ministero dello Sviluppo economico, che definisce criteri e modalità per la concessione di aiuti per il finanziamento di infrastrutture energetiche funzionali ad accrescere la disponibilità della rete e contribuire alla diffusione della generazione distribuita da fonti rinnovabili.
smart_grid_mise
In particolare, spiega il Mise, il provvedimento punta a sostenere interventi per la realizzazione di reti intelligenti di distribuzione dell’energia (smart grids) e interventi sulle reti di trasmissione strettamente complementari agli interventi sulla rete di distribuzione. Il decreto destina a questi progetti oltre 320 milioni di euro del PON Imprese e Competitività 2014-2020 FESR e stabilisce che risorse finanziarie aggiuntive possano essere messe a disposizione da altre amministrazioni per realizzare gli interventi agevolativi previsti dal nuovo regime di aiuti.

Per accedere agli aiuti previsti dal provvedimento i progetti presentati dovranno essere diretti alla realizzazione nelle zone assistite di reti intelligenti di distribuzione dell’energia (smart grids) e, qualora strettamente complementari, di interventi sulle reti di trasmissione.  I progetti potranno prevedere la costruzione, l’adeguamento, l’efficientamento e il potenziamento dei sistemi di distribuzione e di trasmissione dell’energia elettrica.

L’ammontare dell’aiuto non potrà essere inferiore a 1 milione di euro e non potrà superare i 50 milioni di euro per singolo progetto.
I beneficiari degli aiuti saranno i concessionari del pubblico servizio di distribuzione e di trasmissione dell'energia elettrica nelle aree interessate, precisa infine il Mise.

Rosamaria Freda
Direttore Editoriale

condividi su