28/07/2016 - 14:00

Energia dalle maree: UE approva progetto sperimentale a Raz Blanchard

Via libera dalla comunità europea all'installazione in Normandia dell'impianto sperimentale per produrre energia sfruttando le maree. Raz Blanchard, sul canale della Manica, è, assieme alla baia di Fundy in Canada e alle isole Orcadi in Scozia, il sito da cui maggiormente si potrebbe trarre energia sfruttando la forza delle maree.
L'impianto pilota denominato NEPTHYD, Normandie Energie PiloTe HYDrolien, prevede 4 turbine eoliche sviluppate con tecnologie altamente avanzate ed innovative come ad esempio pale a beccheggio variabile, navicelle rotanti e componenti elettronici sottomarini. Ogni turbina avrà una potenza nominale di 1,4 MW e l'impianto verrà gestito da una sussidiaria della francese Engie per 20 anni. L'iter concluso in questi giorni ha le sue origini nel 2013 quando fu indetta la prima gara d'appalto che prevedeva la realizzazione di tre impianti per una potenza complessiva di circa 80 MW. Secondo la gara di allora, nel 2015 l'impianto avrebbe dovuto iniziare ad immettere energia nella rete per passare ad una produzione su scala commerciale tra il 2020 e il 2025. Attualmente questi termini sono in fase di revisione.

Il progetto, approvato recentemente dalla UE dopo aver verificato che fossero stati rispettati gli aiuti di stato, dimostra quanto il governo francese voglia puntare sullo sviluppo delle rinnovabili marine. Lo stesso ministro dell'Ambiente Ségolène Royal ha varato un ambizioso programma che prevede di installare (entro il 2023) 100 MW elettrici grazie a diversi impianti tecnologici in grado di sfruttare al massimo l'energia dalle maree, dalle onde e dagli impianti eolici galleggianti.
Tommaso Tautonico
autore

condividi su