31/10/2017 - 13:09

Efficienza energetica: mutui a supporto del clima e della riqualificazione degli edifici

Il White Paper sostiene che i mutui per l’efficienza energetica potrebbero giocare un ruolo centrale nella nuova strategia finanziaria europea e si spiegano le azioni tecniche necessarie per assicurare che il sistema dei mutui possa supportare gli obiettivi europei sul clima e sulla riqualificazione degli edifici.

efficienza energetica

I mutui per l’efficienza energetica potrebbero giocare un ruolo centrale nella nuova strategia finanziaria europea. Lo sostiene il White Paper pubblicato il 26 ottobre da EeMAP (Energy efficient Mortgages Action Plan), un consorzio finanziato dall’Unione Europea e supportato da GBC Italia insieme ad altri stakeholders, che definisce le raccomandazioni chiave per la creazione di un mutuo per l’efficienza energetica come prodotto standardizzato nel mercato europeo. Nel White Paper si spiegano le azioni tecniche necessarie per assicurare che il sistema dei mutui possa supportare gli obiettivi europei sul clima e sulla riqualificazione degli edifici e si propongono raccomandazioni per cominciare a raccogliere dati sui prestiti per l’efficienza energetica per far sì che la regolamentazione finanziaria possa riconoscere gli effetti sulla mitigazione del rischio dovuti al miglioramento dell’efficienza energetica delle abitazioni.

L’idea alla base del piano è che l’investimento si qualifichi con un minore rischio, rappresentando così un forte incentivo per attrarre le banche in questo mercato. Le raccomandazioni espresse si basano su quattro rapporti di ricerca: uno su come i mutui per l’efficienza energetica possano funzionare sulla base di un’analisi della finanza green, uno sugli indicatori di performance degli edifici, uno sulla valutazione dell’immobile e l’ultimo sull’impatto dell’efficienza energetica sul rischio. “Le pubblicazioni rappresentano un importante e concreto passo in avanti e prepareranno la strada nei mesi a venire per la fase pilota cruciale nel progetto EeMAP – ha dichiarato Luca Bertalot, Coordinatore del progetto EeMAP & Segretario Generale di EMF-ECBC  - Le raccomandazioni ci aiuteranno a ‘testare su strada’ il mutuo per l’efficienza energetica, correggerlo e migliorarlo nel tempo e assicurare che il prodotto contribuisca a supportare la transizione verso un patrimonio edilizio europeo più efficiente”.


Nel report dedicato agli indicatori di prestazione degli edifici, curato dallo European Regional Network (di cui GBC Italia è membro), si dimostra come questi rappresentino uno strumento utile per la valutazione del rischio per i mutui per l’efficienza energetica. All’interno del report vengono esposti aspetti tecnici rilevanti per la valutazione della prestazione degli edifici. Questa analisi insieme alle best practice di efficienza energetica in Europa possono essere di supporto per gli obiettivi dell’iniziativa.
I consumi energetici del patrimonio costruito ammontano al 40% dell’energia utilizzata nell’Unione Europea ed è stato stimato che l’Europa dovrebbe investire annualmente 100 miliardi di Euro in interventi di riqualificazione energetica per raggiungere gli obiettivi sul clima e l’energia. L’Unione Europea ha dedicato, a questo obiettivo, una maggiore disponibilità di fondi, ma la Commissione Europea ha indicato che è necessario sollecitare anche gli investimenti privati nel settore dell’energia.  L’Iniziativa EeMAP intende infatti consegnare una soluzione finanziaria orientata al mercato proprio per colmare questa lacuna. “Le tecniche di ingegneria per la riqualificazione degli edifici esistenti si sono evolute in questi anni in modo rapido. È ora importante che si sviluppino altrettante proposte di finanza innovativa. GBC Italia ne è fortemente convinta. – afferma Gianni Silvestrini, Presidente di GBC Italia – Per questo, unitamente allo sviluppo di strumenti per la riqualificazione sostenibile degli edifici esistenti, GBC Italia ha lavorato insieme ad enti istituzionali per formulare soluzioni innovative e strumenti di incentivazione efficaci per interventi su interi edifici.”

I finanziatori di mutui, del resto, hanno interessi chiari sullo stato degli edifici in Europa. Si stima che i prestiti per mutui ipotecari ammontino a circa un terzo del patrimonio del settore bancario europeo. Investire sul miglioramento delle prestazioni degli edifici può aiutare coloro che richiedono il mutuo a liberare capitale disponibile grazie a bollette inferiori e può aumentare il valore della proprietà. Come risultato, questi investimenti riducono il rischio del prestito, quindi rappresentano una soluzione di successo per tutti gli stakeholder in gioco: coloro che prestano il denaro, coloro che investono, i consumatori e il clima.

Marilisa Romagno
autore

condividi su

Articoli correlati