19/09/2014 - 14:46

EcoTyre raggiunge i 350 Soci e potenzia il portale operativo

EcoTyre raggiunge i 350 Soci e potenzia il portale operativo Il consorzio si conferma il primo in Italia per numero di aderenti che, grazie al nuovo portale, potranno svolgere online tutte le dichiarazioni di legge.

EcoTyre raggiunge i 350 Soci e potenzia il portale operativo

A quasi tre anni dalla sua nascita, EcoTyre raggiunge quota 350 Soci, produttori e importatori di pneumatici o case automobilistiche per conto dei quali il Consorzio gestisce la raccolta e il recupero degli PFU (Pneumatici Fuori Uso). Una crescita rapida e costante che conferma EcoTyre come l’operatore di settore con il maggior numero di aderenti ed il secondo per quantitativi raccolti.

Proprio la continua crescita ha spinto EcoTyre a rendere ancora più efficiente il proprio sistema informatico che ora consente di rendere più fluido il passaggio di informazioni richieste dalla legge, ridurre l’errore umano e garantire un rispetto dei tempi di consegna. Grazie al nuovo Portale, i Soci da inizio settembre possono compilare direttamente online le schede relative ai quantitativi immessi sul mercato. Sarà poi EcoTyre a elaborare queste informazioni, trasferirle al Ministero dell'Ambiente, occuparsi della raccolta degli PFU corrispondenti e del loro avvio al corretto recupero.

Questo sistema permette di garantire che per ogni pneumatico nuovo che entra sul mercato italiano ne venga riciclato uno equivalente, evitando abbandoni indiscriminati e costi per la collettività. Inoltre, EcoTyre svolge una serie di raccolte straordinarie presso depositi di PFU abbandonati creando un saldo ambientale positivo, perché ogni anno sono recuperati più PFU di quanti pneumatici nuovi siano stati messi su strada.

Mentre i numeri crescono (nel 2014 sono stati oltre 42 milioni i kg di PFU raccolti), si ottimizzano i costi di gestione e questo ha permesso a EcoTyre di ridurre ulteriormente, a partire dal 1° luglio, il contributo ambientale che finanzia il sistema di raccolta e che i consumatori pagano al momento dell'acquisto di un nuovo pneumatico. Le riduzioni variano per tipologie di pneumatico, ma raggiungono percentuali del 20% con un risparmio per i consumatori finali stimato in una cifra pari a 2 milioni di euro su base annua.

"Siamo molto orgogliosi – sottolinea Enrico Ambrogio, Presidente di EcoTyredel lavoro svolto in questi 3 anni. Il fatto che il numero di Soci continui ad aumentare dimostra che il lavoro che stiamo svolgendo per loro e insieme a loro è valido e conferma una fiducia reciproca. Da parte nostra, continuiamo a puntare sull'efficienza del sistema e l’investimento nel nuovo portale va proprio in questa direzione: semplificando la gestione si riducono i costi e i tempi sia per il Consorzio che per i nostri singoli aderenti. Infine siamo felici che, mentre il saldo ambientale continua ad essere positivo, i ritocchi al contributo portano sempre un segno meno, restituendo ai cittadini e ai consumatori un ambiente migliore con costi minori".


EcoTyre ha sede a Vinovo (TO) e vanta una consolidata esperienza nella gestione delle filiere dei materiali di ritorno. Il Consorzio svolge la sua attività di raccolta in modo capillare su tutto il territorio nazionale, grazie a una struttura snella e dinamica che gli consente di rispondere velocemente alle richieste dei propri Soci, di garantire la certezza del ritiro degli PFU presso i punti di raccolta e di limitare, parallelamente, l’aumento dei costi e dei tempi di intervento. EcoTyre si assume per conto di importatori e produttori di pneumatici la responsabilità della gestione degli PFU oltre che fornire i servizi logistici di raccolta. Il Consorzio, inoltre, è in grado di dialogare con una voce unica presso tutte le sedi di confronto istituzionale, ponendo quesiti e rappresentando le istanze dei propri Soci.

Andrea Pietrarota
Direttore Responsabile

condividi su

Articoli correlati