01/01/2013 - 01:00

''Eco'' e di ''tendenza'', in Umbria la più avanzata ''casa passiva''

Ai piedi di Colle della Trinità, alle porte di Perugia, è nata la prima abitazione certificata come Casa Passiva (secondo standard internazionale PHI) adatta al clima temperato.
La casa "green" fa tendenza. A maggior ragione quando nasce sulle verdi colline dell'Umbria, ai piedi di Colle della Trinità, alle porte di Perugia. L'abitazione "passiva" progettata e costruita dall'architetto perugino Francesco Masciarelli (sul sito www.architettomasciarelli.com è possibile trovare informazioni tecniche ed immagini del progetto e dei lavori in via di ultimazione) unisce infatti scelte "eco correct" ad un design architettonico moderno, lontano dagli stereotipi per i quali una casa rispettosa dell'ambiente debba sembrare "d'antan".
Certificata come "casa passiva" secondo lo standard internazionale PHI, prima adatta al clima temperato ed alle zone a sismicità elevata oltre che a ridottissimo impatto ambientale, la costruzione "non è un semplice esercizio di innovazione tecnologica ed architettonica - sottolinea Francesco Masciarelli - ma una vera abitazione dove andrò a vivere con la mia famiglia". Con un occhio all'ambiente garantendo allo stesso tempo una qualità della vita ignota all'esperienza della maggior parte delle persone, "grazie a una temperatura interna confortevole e costante durante le 24 ore e una qualità dell'aria ottimale per il ricambio continuo a temperatura controllata. Se a ciò si aggiungono poi materiali e tecniche costruttive sostenibili ed il ricorso a fonti di energia rinnovabili, come nel nostro caso, si ottiene un edificio praticamente CO2 'zero emissioni' e con impatto ambientale quasi nullo".
Senza dimenticare il risparmio energetico, visto che "una Casa Passiva - sottolinea l'architetto Masciarelli - è un edificio che, se costruito e certificato nel rispetto dello standard internazionale PHI, garantisce consumi energetici ridottissimi, fino a 15/20 volte inferiori rispetto ad un edificio 'normale' ndr". Certo, il costo di costruzione di una Casa Passiva è superiore a quello di un edificio "normale", ma rappresenta un investimento che garantisce importanti benefici in termini economici ed ambientali, e "garantisce inoltre - conclude Francesco Masciarelli - una qualità della vita interna sconosciuta all'esperienza della maggior parte delle persone: provare per credere".
Tommaso Tautonico
autore

condividi su