Giovedi, 18 dicembre 2014 - Ore 16:20
Alternativa Sostenibile: Energia
             
Sentenza15 Gennaio 2011 - 12:52
NORMATIVA - Letto: 1949 volte

Delibera AEEG/elt 125/2010: primi dubbi sull'articolo 32


Si segnalano le ordinanze T.A.R Lombardia - Milano Sezione III n.00044/2011 e n.00011/2011 con cui il Tribunale amministrativo meneghino ritiene la sussistenza dei presupposti necessari (periculum in mora e fumus boni iuris) per concedere la tutela cautelare con procedimento sommario in merito alla richiesta di annullamento della delibera AEEG ARG/elt 125/10.

  • Condividi

Si segnalano le ordinanze T.A.R Lombardia - Milano Sezione III n.00044/2011 e n.00011/2011 (www.giustizia-amministrativa.it) con cui il Tribunale amministrativo meneghino ritiene la sussistenza dei presupposti necessari (periculum in mora e fumus boni iuris) per concedere la tutela cautelare con procedimento sommario in merito alla richiesta di annullamento della delibera AEEG ARG/elt 125/10 avente ad oggetto "modifiche ed integrazioni alla deliberazione dell'Autorità per l'energia elettrica e il gas ARG/elt 99/08 in materia di condizioni tecniche ed economiche per la connessione alle reti con l'obbligo di connessione di terzi degli impianti di produzione (TICA) e altresì della deliberazione ARG/elt 173 in data 14 ottobre 2010.

In particolare, le suddette sentenze, in sede di procedimento cautelativo e sommario, evidenziano che le disposizioni della delibera 125/2010 possono provocare danni ingiusti prevedendo l'ipotesi per la quale la garanzia finanziaria che viene richiesta al momento della connessione alla rete, viene ritirata anche in caso di insuccesso della relativa iniziativa economica.

Infine, si ricorda l'articolo 32 della delibera AEEG 125/2010 prevede che: "Il richiedente, qualora diverso da un cliente finale domestico, nel caso di impianti di produzione che dovranno essere connessi ad una linea critica o in un'area critica, all'atto dell'accettazione del preventivo, rende disponibile al gestore di rete una garanzia, sotto forma di deposito cauzionale o di fideiussione bancaria, di importo pari al prodotto tra la potenza ai fini della connessione, come definita dall'articolo 1, comma 1.1, lettera z), e i seguenti valori unitari: - 20.250 €/MW nei casi di connessioni alle reti in alta e altissima tensione; - 60.000 €/MW nei casi di connessioni alle reti in media tensione; - 110 €/kW nei casi di connessioni alle reti in bassa tensione" (http://www.autorita.energia.it/it/docs/10/125-10arg.htm ).
 

di Alessio Elia

DOCUMENTI ALLEGATI ALL'ARTICOLO

Ordinanza n.00044/2011 (73,83 Kb)
Ordinanza n.00011/2011 (73,46 Kb)

GLI EVENTI IN SCADENZA
Testata iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 - Direttore responsabile: Andrea Pietrarota
Copyright 2014 Alternativa Sostenibile. All Rights Reserved