04/07/2018 - 18:42

Da aree industriali a infrastrutture verdi grazie al compost da rifiuti organici

L’obiettivo del progetto ProGIreg è quelli di utilizzare tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio.

compost da rifiuti organici

Il progetto ProGIreg (productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) coinvolge, oltre a Torino con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il Progetto vede tra i partner della Città di Torino, ente coordinatore sul territorio, Acea Pinerolese Industriale Spa insieme a Città Metropolitana di Torino, Politecnico di Torino, Università di Torino, Arpa Piemonte, Associazione Coefficiente Clorofilla, Dual Srl, Fondazione Mirafiori, Miravolante, Environment Park, Orti Alti, SiTi.

ProGireg durerà dai 3 ai 5 anni e vedrà l’introduzione di soluzioni nature-based che prevedono la messa a punto e l’utilizzo di acquaponica, piste ciclabili, aree adibite alla condivisione e alla socializzazione, tetti e muri green; verranno messi in comunicazione i gruppi di agricoltori locali, già attivi sul territorio. Uno dei fulcri del progetto sarà la creazione di “nuovo terreno” o “new soil” per la coltivazione, prodotto attraverso la combinazione di terra rigenerata ottenuta dal recupero di materiali provenienti da scavi e opere di urbanizzazione e di compost, prodotto da Acea Pinerolese attraverso il trattamento e la valorizzazione dei rifiuti organici da raccolta differenziata (di Torino e altre città del Torinese) in un’ottica di Economia Circolare. Questa miscela creerà un “new soil” per parchi e aree verdi.

Acea Pinerolese partecipa attivamente al progetto europeo “ProGiReg – Infrastrutture verdi per la rigenerazione urbana delle aree post industriali”, fornendo il necessario compost di qualità che ridarà nuova vita e fertilità ai terreni urbani recuperati nelle ex aree industriali. Si crea così un circuito virtuoso di economia circolare dove, grazie all’impianto del Polo Ecologico di Acea Pinerolese (foto allegata), la grande Città con i suoi rifiuti organici delle mense, cucine o domestici differenziati può tornare a dare ricchezza e vitalità a suoli recuperati per avere nuovo verde e bellissime aree coltivabili. Il sistema Acea Pinerolese è stato in questo senso premiato dal Vice Presidente dell’Unione Europea Jyrki Katainen come modello di Economia Circolare ed esempio per tutti gli stati. Partecipare a questo progetto è dunque un’occasione per Acea Pinerolese di offrire un valido contributo di sostenibilità alla riqualificazione urbana.

Marilisa Romagno
autore

condividi su

Articoli correlati
  • Leggi
    22/12/2012 - 17:00
    Edilizia
    A Capannori si produrrà canapa per l'edilizia sostenibile

    La coltivazione della pianta riprende dopo 50 anni. Alcuni agricoltori hanno già assicurato il loro impegno. Da marzo 2013 i campi capannoresi produrranno canapa per l'edilizia sostenibile e la mobilia ogni ettaro coltivato a canapa potrà portare una resa netta di circa 500 euro.

  • Leggi
    08/04/2014 - 22:36
    Al Forum Abitare Verde, incontro sull'edilizia sostenibile

    A Roma il prossimo 9 aprile si svolgerà la seconda edizione del Forum Abitare verde in cui si discuterà di strategie per città che siano sempre di più a basso impatto ambientale.

  • Leggi
    01/01/2013 - 01:00
    Certificazione Leed: edilizia sostenibile a portata di click!

    Certificazioneleed.com e' un sito web di approfondimento per quanti sono interessati a conoscere lo standard LEED, un nuovo modo di costruire edifici ecologici ed eco-sostenibili.

  • Leggi
    01/01/2013 - 01:00
    Corso di formazione in Edilizia Sostenibile

    CSEA MED, in collaborazione con il "Centro tecnologico per la innovazione e la qualità per l'abitare" lanciato dalla CNA di Bari, con il supporto scientifico di iiSBE Italia e Kyoto Club, organizza il corso di specializzazione "Edilizia sostenibile".