21/09/2021 - 15:45

COOP Youth Experience: 10.000 alberi mettono radici in dieci città

Sostenibilità ambientale.

Milano sarà il palco di presentazione di un progetto nazionale di risanamento e rigenerazione di 10 aree urbane attraverso la piantumazione di alberi e arbusti con l’obiettivo di riportare la biodiversità e l’equilibrio naturale in ecosistemi danneggiati contribuendo a contrastare gli impatti del cambiamento climatico.
COOP Youth Experience: 10.000 alberi mettono radici in 10 città
COOP Youth Experience - Milano 27-29 settembre 2021.

Dal 27 al 29 settembre COOP coinvolgerà 150 giovani (provenienti da tutta Italia) tra soci, lavoratori, volontari, attivisti in una tre giorni di eventi di formazione e attività sul campo affinché possano farsi testimoni di un’esperienza importante che riporteranno nei loro territori.

L’operazione di forestazione sarà in sostanza un’attività sul campo che farà da eco e supporto alle tematiche che in quegli stessi giorni sono dibattute dai 400 giovani provenienti da tutto il mondo, delegati della Pre-Cop26 Youth4Climate. La lotta alla crisi climatica, sia nel versante della mitigazione che in quello dell’adattamento, passa infatti per un cambiamento deciso nell’uso del suolo e in un impegno per il restauro di un manto forestale esteso in varie parti del globo. E anche attraverso la capacità di trasformare le nostre città in organismi più adattabili alle condizioni che cambiano, più pervase di elementi naturali di resilienza.

Il 28 settembre i giovani invitati da COOP pianteranno 1.000 tra alberi e arbusti e collaboreranno alla riqualificazione di due aree: parte del «Boschetto della Droga» di Rogoredo e Casa Chiaravalle, in collaborazione con Bosco in Città.

Le attività sul campo si concentreranno su azioni di pulizia di una zona degradata, per poi proseguire con un’attività di piantumazione sia nella stessa area, che in un’altra zona del parco di Rogoredo con forte vocazione di ripristino della biodiversità. Il progetto ha anche un alto valore sociale grazie al ripristino del tessuto sociale della comunità di Rogoredo.

L’intero evento darà ai giovani partecipanti l’opportunità di partecipare alle opere di rigenerazione naturale in modo attivo e sarà l’occasione di confrontarsi con esperti e volti noti dell’ambientalismo sul lavoro che staranno svolgendo così da dare pieno valore alla loro presenza.

La cornice del lavoro sul campo, infatti, sarà corredata da una serie di eventi che si terranno presso la Cascina San Romano e le Officine del Volo:

Il 27 sera un AperiScienza. 5 esperti (climatologi e ricercatori) dialogheranno con i giovani sull’adozione di misure urgenti per combattere il cambiamento climatico e le sue conseguenze. I giovani verranno stimolati a produrre stories o post nei loro profili social, raccogliendo tutte le testimonianze che emergeranno.

Alcuni esperti: Giulia Bonino e Eugenio Sini (CMCC - Centro Euromediterraneo Cambiamenti Climatici), Anna Luise (ISPRA), Gianmaria Sannino (ENEA)

Il 28 sera un OpenMic Ambientale (in live streaming su ANSA2030). Alcuni stand up comedian famosi porteranno sul palco una serie di monologhi comici a tema ambientale. Sarà un momento per parlare di clima, comportamenti e contraddizioni anche in forma ironica, pur mantenendo il tema di fondo dell’esperienza che i giovani partecipanti stanno compiendo.

Alcuni talent possibili: Luca Ravenna, Daniele Tinti, Laura Formenti, Velia Lalli, Vincenzo Comunale presentati dal social content creator Pierluca Mariti.

Il 29 mattina una Lectio Magistralis (in livestreaming su ANSA2030). Stefano Mancuso, neurobiologo vegetale e ricercatore, sarà il protagonista dell’ultimo evento. Racconterà ai ragazzi il senso della loro attività e del perché è importante operare la rinaturalizzazione degli ecosistemi danneggiati.

Milano – Oasi Cordusio

Dal 21 al 30 di settembre sarà posizionata all’interno di Piazza Cordusio un’installazione naturale a simbolo del progetto nazionale COOP YOUTH EXPERIENCE.

Per 10 giorni un’oasi vegetale colorerà di verde una delle piazze più urbanizzate di Milano. L’obiettivo è quello di sensibilizzare chi vedrà l’opera sull’importanza di estendere la presenza degli elementi naturali all’interno delle città, contro l’inquinamento e il fenomeno delle isole di calore e per mantenere delle aree di biodiversità.

L’installazione è al tempo stesso un elemento simbolo di tutto il progetto Coop Youth Experience perché annuncia, in una porzione di 25 mq nel pieno centro cittadino, quello che verrà realizzato sia a Milano che nelle altre 9 città italiane coinvolte.

Oasi Cordusio non è solo scenografia urbana ma è un vero proprio intervento di rinaturalizzazione temporanea dell’area. I cassoni di legno che compongono l’installazione sono contenitori di terra per la messa a dimora di piante che, dopo i 10 giorni di installazione, saranno portati nello spazio gestito da Opera in Fiore per essere riutilizzati per attività di orticoltura comunitaria e di riforestazione urbana coinvolgendo i cittadini del quartiere.

L’iniziativa ha ricevuto il Patrocinio del MITE e del Comune di Milano. Gli eventi sono in fase di accreditamento nel palinsesto dei side event All4Climate del MITE.

La campagna nazionale - Le oasi in 10 città italiane

Milano sarà il punto di partenza di una campagna che toccherà altre 9 città da Nord a Sud del Paese dove verranno realizzati, tra i mesi di ottobre e dicembre 2021, altrettanti progetti di rinaturalizzazione di aree degradate con l’obiettivo di restituire la biodiversità vegetale e faunistica dei luoghi. Le città sono Torino, Firenze, Ancona, Bari, Genova, Livorno, Perugia, Piacenza, Roma.

Andrea Pietrarota
Direttore Responsabile

condividi su

Articoli correlati