07/12/2020 - 16:40

Consumo di gas e come si misura: le cose da sapere

Efficienza energetica.

Quando periodicamente arriva a casa la bolletta del gas è molto importante sapersi orientare tra numeri e terminologie, così da mettere correttamente a fuoco la situazione in merito a consumi e pagamenti

Consumo di gas e come si misura: le cose da sapere
Il gas è senza dubbio tra le fonti di energia più utilizzate in assoluto ma raramente ci fermiamo a riflettere sul fatto che arriva nelle nostre case dopo un percorso lungo, articolato e che comporta tutta una serie di costi. 

Il trasporto nelle condutture e cosa comporta

Per quanto riguarda le varie fasi di tale percorso, si va dall’estrazione della materia prima al trasporto del gas, fino al gran finale che corrisponde alla somministrazione tra le utenze. E’ chiaro come questo processo abbia dei costi, i quali sono determinati pure dalle particolari caratteristiche della fonte di energia

Nello specifico, il metano è un idrocarburo aereo che si trova in stato gassoso: ci sono alcuni aspetti come la temperatura e l’altitudine che vanno a influenzare in maniera importante il suo trasporto nelle condutture. Ecco spiegato il motivo per cui una fornitura di gas in una zona costiera risulterà molto diversa da una in montagna (la prima mantiene la volatilità). Sarà dunque differente il volume occupato da una stessa quantità di gas in città come, per esempio, Palermo e Torino. 

Nel momento in cui si renda necessario cambiare operatore o sceglierne uno per il nuovo appartamento, sarà sempre utile consultare le piattaforme digitali per sondare le tariffe gas più convenienti. In tal modo si potranno infatti ottenere un importante risparmio in bolletta, inoltre il raffronto risulterà rapido ed esaustivo.

Il calcolo e lo Standard per metro cubo

Affinché nessuna tipologia di utente potesse risultare svantaggiata, si è scelta una modalità di calcolo in modo che fosse la stessa per tutti. Si ricorre a una misura ben precisa il cui acronimo è Smc, ovvero standard per metro cubo. Un Smc corrisponde a un metro cubo di gas misurato alla temperatura di 15 gradi. In questo modo diventa possibile fare misurazioni standard, valide cioè per ogni condizione di pressione o temperatura. 

Ad ogni modo sarà corretto precisare come la misurazione dei consumi non venga fatta direttamente in Smc: il conteggio avviene in metri cubici. Il relativo valore si converte poi utilizzando un coefficiente di conversione che cambia tra un’area geografica e l’altra (in base a condizioni climatiche, altitudine e così via). Vengono individuate delle zone climatiche nelle quali l’Italia viene per convenzione suddivisa: si fa riferimento alle temperature medie e a quanti giorni nel corso dell’anno siano caratterizzati da temperature al di sotto dei 20 gradi.

Queste fasce sono 6 in tutto e vanno a influenzare il coefficiente per la definizione della misura Smc. Vengono indicate con le lettere dalla A (le zone con temperature più calde) alla F (che comprende le zone più fredde, dove peraltro non sono previste limitazioni per quanto riguarda l’accensione dei riscaldamenti). Queste fasce sono tendenzialmente di tipo stabile, per cui è raro che vi sia un ‘salto’ da una zona all’altra.

Che cosa influisce sul prezzo del gas e come risparmiare

Per quanto riguarda la bolletta del gas che riceviamo a casa, ci sono molte componenti che vanno a influire sul costo finale. Si tratta in particolare dell’utilizzo del gas per la cottura del cibo o il riscaldamento, del livello complessivo di efficienza energetica e, naturalmente, del numero di persone che abitano in quella casa. A questi elementi, che sono di tipo variabile, si aggiungono poi componenti terze che sono anch’esse in grado di influire sulla spesa. In primis il riferimento è al trasporto e alla distribuzione del gas stesso ma anche alle imposte e agli oneri di sistema. 

Per capire se sia possibile e come risparmiare sulla bolletta del gas è sempre necessario fare una verifica sulle condizioni della propria casa, soprattutto per quanto concerne tubature e impianti. Nel caso questi dovessero essere troppo vecchi od obsoleti si corre il rischio di veder lievitare i consumi, anche a causa di possibili infiltrazioni nelle pareti. 

Anche la salute e l’integrità di porte e finestre è di grande importanza: investire in una loro sostituzione con infissi ad alta efficienza energetica e a conservazione termica permetterà senza dubbio non soltanto di migliorare il livello di comfort domestico ma anche di ottenere risparmi consistenti.

Andrea Pietrarota
Direttore Responsabile

condividi su

Articoli correlati