Lunedi, 24 novembre 2014 - Ore 13:02
Alternativa Sostenibile: Cultura
             
Decreto milleproroghe27 Gennaio 2011 - 13:13
NOTIZIE - Letto: 6839 volte

Condono edilizio nascosto nel decreto Milleproroghe


Legambiente: "Ennesima colata di cemento, uno schiaffo alla legalità e ai cittadini onesti". L'emendamento nascosto ieri nel decreto mille proroghe concede la possibilità di presentare, entro il 31 dicembre 2011, la domanda di sanatoria per gli abusi edilizi edificati fino al 2003.

  • Condividi

"Per l'ennesima volta si tenta di nascondere il condono edilizio all'interno di un decreto omnicomprensivo per fare un bel regalo alla criminalità organizzata. Grazie a questo escamotage, infatti, non solo si potranno condonare gli abusi costruiti entro il 2003, ma ci sarà nuovamente una corsa al cemento illegale di cui l'Italia è già pericolosamente satura".
E' questo il commento di Sebastiano Venneri, vicepresidente di Legambiente all'emendamentonascosto ieri nel decreto mille proroghe che concede la possibilità di presentare, entro il 31 dicembre 2011, la domanda di sanatoria per gli abusi edilizi edificati fino al 2003.

"In un Paese ad alto rischio idrogeologico e fragilità sismica, non è certo questa l'edilizia di cui abbiamo bisogno né per la tutela della sicurezza del territorio, né per incentivare la legalità - ha proseguito Venneri - .Per comprendere cosa vuol dire riaprire i termini del condono basta pensare che nel 2003 al solo annuncio della sanatoria furono realizzate ben 40.000 costruzioni abusive. Lo stesso avvenne nel 1994, quando il Governo Berlusconi varò la seconda legge di sanatoria urbanistica, registrando solo durante i mesi di discussione delle legge la costruzione di 83mila abitazioni fuorilegge. E' questa la politica che, accompagnata all'assoluta mancanza di repressione abusiva in Italia ha contribuito a rendere ancora di più l'Italia un Paese fragile. Ma questa politica piace solo agli abusivi e alla criminalità organizzata che ha ormai inserito il ciclo del cemento tra i suoi business principali".

di Marilisa Romagno

GLI EVENTI IN SCADENZA
Testata iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 - Direttore responsabile: Andrea Pietrarota
Copyright 2014 Alternativa Sostenibile. All Rights Reserved