22/09/2015 - 18:47

Con i droni rivoluzione nella tutela ambientale

Le ARPA italiane stanno usando sempre di più i mezzi unmanned per il monitoraggio delle situazioni idrogeologiche critiche. A Dronitaly, la più grande fiera italiana dei droni civili, il 25 settembre un convegno straordinario spiega quali sono gli scenari e le problematiche per l'utilizzo.

Frane, smottamenti e inondazioni. In Italia, queste emergenze idrogeologiche (e sociali) sono scatenate da violenti fenomeni atmosferici aggravati dall'irresponsabilità umana nei confronti dell'ambiente.

Per difendere il territorio italiano e prevenire gli eventi distruttivi, le Agenzie Regionali di Protezione Ambientale - ARPA - finora hanno utilizzato soprattutto satelliti e mezzi aerei muniti di pilota: oggi, grazie all'irruzione nel panorama dei mezzi pilotati da remoto a terra, meglio noti come droni, l'attività di monitoraggio ambientale sta vivendo una svolta, visto che gli unmanned consentono indagini delle situazioni pericolose in tempo reale, più economiche e più sicure per il personale specializzato.

Alcune ARPA (come Puglia e Umbria) stanno già utilizzando i droni per monitorare gli scenari critici o lo stato delle acque dei laghi, ma anche in altre regioni italiane si sta progettando di utilizzarli.

A Dronitaly, la fiera italiana dei droni civili (25-26 settembre, Centro Congressi Atahotel Expo Pero-Milano), il 25 settembre è in programma il convegno "I droni come strumento operativo per le Agenzie per la Protezione dell’Ambiente", organizzato in collaborazione con ARPA Lombardia: l'evento consentirà di fare il punto su esperienze e necessità, opportunità di utilizzo e problematiche del regolamento ENAC, in modo da consentire ai responsabili pubblici di procedere con maggiori informazioni nelle proprie scelte in merito ai nuovi, potenti, mezzi.

Tra i relatori ci saranno: Enrico Zini (ARPA Lombardia), Valentina Stufara (ARPA Umbria), Barbara Valenzano (ARPA Puglia), ARPA Emilia-Romagna per il progetto S3T -Sistema Supervisione Sicurezza-, insieme all'avvocato Giovanni Battista Gallus, partner studio Array - esperto di normative per i mezzi a pilotaggio remoto.


Dronitaly 2015 rappresenta l'occasione per entrare in contatto con i principali protagonisti della filiera dei droni civili italiana: l'evento, concentrato in due intense giornate, è un'eccezionale full immersion che, accanto ai numerosi convegni e ai workshop in programma (più di 30), consente alle aziende produttrici, agli operatori e alle scuole di volo, insieme ai professionisti e alle aziende dei settori pubblico/privato, di fare networking e sviluppare business e soluzioni insieme.

Acquistando il ticket online per Dronitaly è possibile ottenere un risparmio di 10 euro sul costo del biglietto in Fiera.

Andrea Pietrarota
Direttore Responsabile

condividi su

Articoli correlati
  • Dronitaly Forum 2020: la 6a edizione al Politecnico di Milano
    Leggi
    27/02/2020 - 19:03
    Attualità
    Dronitaly Forum 2020: la 6a edizione al Politecnico di Milano

    Il 17 e 18 settembre 2020, presso il Campus Bovisa del Politecnico di Milano si terrà la sesta edizione di Dronitaly, la manifestazione dedicata al mondo dei droni civili a uso professionale e alle loro applicazioni.

  • Leggi
    11/01/2016 - 20:35
    Attualità
    Polveri sottili: impiegati anche i droni nella lotta allo smog

    Arrivano i droni anti-smog, una nuova arma per affrontare l’emergenza inquinamento nelle nostre città. Queste macchine volanti radiocomandante possono essere infatti dotate di sensori e campionatori per “sniffare” l’aria e fornire informazioni precise sulla qualità di ciò che respiriamo e sulla...

  • Leggi
    28/05/2015 - 12:20
    Attualità
    A vigilare sui disastri ambientali saranno sempre più i droni

    AeroDron, una delle prime aziende italiane dedicate alla realizzazione di rilievi territoriali attraverso Sistemi Aeromobili a Pilotaggio Remoto (SAPR), sarà presente al Salone Internazionale della Ricerca Industriale e dell’Innovazione, la fiera italiana dove l’offerta multisettoriale di nuove...

  • Leggi
    23/04/2015 - 01:42
    Attualità
    Arrivano i droni per trovare l'amianto, nuovo progetto del Comune di Fidenza con la startup AeroDron

    Droni al servizio del territorio: rimozione dell'amianto e contrasto alla dispersione termica grazie al progetto lanciato da Aerodron e dal Comune di Fidenza. Assessore all'Ambiente del Comune di Fidenza, Giancarlo Castellani: “E' un progetto sperimentale innovativo unico in Emilia-Romagna. Entro l...