17/10/2016 - 20:15

Come sporgere reclamo per doppia fatturazione luce e gas?

Hai ricevuto una doppia bolletta della luce o del gas? Ecco quali sono gli step necessari per sporgere reclamo in caso di doppia fatturazione.
Molto più spesso di quanto immagini può capitare di riscontrare dei disservizi per conto della propria compagnia energetica. Molteplici sono infatti i problemi legati alla fornitura luce e gas in cui potresti imbatterti come ad esempio quelli connesi al distacco della fornitura o quelli legati al mancato rispetto delle clausole contrattuali.
Ma non solo. Fra questi fanno capolino anche i cosiddetti errori di doppia fatturazione che si verificano quando l’utente si trova a ricevere due bollette del gas e /o della luce. Se anche a te è capitato di trovarti in una situazione del genere, in questo articolo ti spiegheremo qual è la procedura più veloce per sporgere reclamo per doppia fatturazione.

Quando si verificano i casi di doppia fatturazione?

Prima di spiegarti passo passo come è necessario procedere per ovviare ai problemi di doppia fatturazione, vediamo di capire in quali circostanze è più probabile che questo disservizio si verifichi.
In particolare, si tratta di un problema che è ha spesso luogo in seguito alla migrazione dell’utente a un’altra compagnia di luce e gas. La doppia bolletta dopo il cambio operatore è quindi solitamente dovuta a problemi di comunicazione fra i fornitori. In questi casi, può infatti succedere che il nuovo fornitore si dimentichi di segnalare al vecchio l’interruzione del precedente contratto e così la precedente compagnia energetica continua ad addebitare al cliente la bolletta con i relativi costi di luce e gas.

Doppia fatturazione: contatta via telefono la compagnia

Se hai recentemente cambiato operatore e ti sei ritrovado due bollette provenienti da due operatori differenti, il primo passo è quello di andare a verificare che l’ultima bolletta ricevuta dal vecchio operatore contenga la dicitura“bolletta di ultimo consumo” oppure “periodo ultimo consumo”.
Se non trovi nessuna delle due formule allora è probabile che il vecchio operatore non sia al corrente dell’avvenuto passaggio a un’altra compagnia energetica. La prima cosa da fare è quindi quella di contattare telefonicamente il nuovo operatore per tentare di  ovviare a questo disservizio.

Doppia bolletta: invia una lettera di reclamo

Qualora non riuscissi a risolvere la questione via telefono, il passo successivo sarà, come previsto dall’AEEGSI, quello di inviare un reclamo per doppia fatturazione al venditore precedente, ovvero a colui con cui non si ha avuto alcun contratto di fornitura nel periodo di consumo oggetto della bolletta.
Nello specifico, la richiesta di rettifica dovrà essere inviata all’ufficio reclami della compagnia tramite raccomandata a/r, ovvero con avviso di ricevimento così da essere sicuri dell’avvenuta consegna. Il testo della lettera di reclamo dovrà inoltre contenere:
·         una descrizione dettagliata del disservizio riscontrato
·         i dati personali dell’intestatario del contratto luce e/o gas (nome e cognome, codice fiscale)
·         il numero della bolletta contestata e il periodo alla quale si riferisce
·         copia del documento d’identitàdell’utente
Una volta che la compagnia energetica avrà verificato la tua contestazione, dovrà provvedere a risarcire il pagamento entro 20 giorni solari a partire dalla data in cui l’azienda ha ricevuto la richiesta scritta di rettifica per doppia fatturazione.
Infine, qualora quest’ultima non dovesse provvedere al risarcimento entro i tempi stabiliti, la compagnia dovrà versare una penale pari a 20 euro che può salire a 40 euro se la rettifica arriva con un ritardo compreso fra i 40 e i 60 giorni e a 60 euro se il ritardo supera i 60 giorni.
Andrea Manfredi
autore

condividi su