24/10/2015 - 19:08

Colombia. Parte il progetto di riforestazione sovvenzionato da Guala Closures Group

Guala Closures Group, multinazionale italiana leader mondiale nella fabbricazione di chiusure per bevande e alimenti con 25 stabilimenti a livello globale, ha avviato un grande progetto di riforestazione che prevede la piantumazione in tre anni di 100 mila alberi in Colombia dove è presente con un proprio impianto produttivo.

L’obiettivo è quello di neutralizzare parte delle emissioni di CO2 del Gruppo (15mila tonnellate) e, nello stesso tempo, sostenere dal punto di vista economico e sociale le popolazioni locali.

Negli ultimi anni il Gruppo ha sostenuto altri programmi di riforestazione nel mondo tra cui in Costarica nel 2011, in Perù nel 2012 e in India nel 2013, per un totale complessivo di 130mila nuovi alberi pianati.

L’iniziativa, si inserisce all’interno della strategia di lungo periodo di Guala Closures impegnata concretamente dal 2011 in un programma di sviluppo sostenibile, che coinvolge tutti i dipendenti e che rendiconta annualmente il raggiungimento degli obiettivi e dei risultati concreti nella propria relazione di sostenibilità.

I risultati più significativi nel 2014 riguardano, nel perimetro Italia (5 stabilimenti) e per Tonnellata di Prodotto Finito, i consumi energetici (-33,3%), gli scarti (-37,2%), il prelievo idrico (-29,9%), i rifiuti (-60,5%), le emissioni di CO2 (-24,2%), l’indice di frequenza (-12,9%) e di gravità degli infortuni (-41,4%).
Tale impegno ha preso avvio dagli stabilimenti italiani e, dall’anno prossimo, si estenderà a tutte le filiali del Gruppo.

Inoltre, il progetto di riforestazione in Colombia, interamente sostenuto da Guala Closures è realizzato e coordinato dalla ONG Up2Green Reforestation e controllato dalla società di certificazione Ecocert Environnement.

Vedrà impegnati direttamente i rappresentanti di Guala Closures dello stabilimento in Colombia.
I primi 10.000 alberi piantati quest’anno coinvolgono 150 persone in due comunità ubicate nel cuore dell’Amazzonia (Leticia). Non solo vengono remunerate per il lavoro svolto per la piantumazione, ma potranno beneficiare dei futuri ricavi forniti dalla vendita di prodotti provenienti dalla riforestazione (legno, frutti, ecc.).

Infine, il Gruppo ha l’obiettivo di ampliare ulteriormente il programma coinvolgendo clienti e fornitori che già adottano politiche di sviluppo sostenibile.

Andrea Pietrarota
Direttore Responsabile

condividi su

Articoli correlati