13/12/2019 - 17:32

Clima: Ue, finalmente accordo per economia a carbonio zero

Con un passo importante a favore del clima, i leader dell’Unione Europea hanno finalmente approvato oggi, dopo mesi di ritardo, l’obiettivo di neutralità climatica entro il 2050.

economia carbonio zero

I Paesi dell’UE hanno poi chiesto di fissare un target di riduzione delle emissioni più elevato per il periodo sino al 2030, coerente con la strategia di neutralità climatica, da fissare in un tempo utile, prima della COP26 a Glasgow. Solo la Polonia non è stata in grado di impegnarsi per raggiungere questo obiettivo e le discussioni sulle modalità per rispettarlo sono state rinviate al giugno 2020.

Nonostante l'obiettivo di una neutralità climatica entro il 2050 rappresenti un miglioramento significativo rispetto all'attuale obiettivo dell'UE dell'80-95% di riduzione delle emissioni al 2050, secondo il WWF i dati scientifici e le responsabilià della UE dovrebbero indurre ad accelerare la decarbonizzazione al 2040. L'Ungheria e la Repubblica Ceca hanno concordato con la decisione assunta, dopo la comunicazione della Commissione Europea di mercoledì scorso sulla creazione di un meccanismo di giusta transizione, che prevede fondi per il sostegno e la minimizzazione dell’impatto sociale durante il passaggio verso un’economia a zero emissioni di carbonio.

"Finalmente i Capi di Stato e di Governo hanno deciso sulla neutralità climatica, un obiettivo che sembra lontano nel tempo, ma che deve informare tutte le politiche europee da oggi in poi –ha detto Mariagrazia Midulla, responsabile Clima ed Energia del WWF Italia- Dobbiamo seguire una traiettoria di accelerazione dell’azione e di innalzamento degli obiettivi intermedi per mantenere l’impegno assunto questa notte. Riconosciamo il merito ai Paesi della UE che hanno sostenuto l’obiettivo di neutralità climatica, inclusa l’Italia, e alla Commissione Europea per il suo tempestivo e necessario riferimento a un imminente meccanismo di giusta transizione. Ora dobbiamo rimboccarci le maniche e lavorare per varare una forte strategia italiana di decarbonizzazione, davvero coerente con il Green New Deal e la decisione a livello europeo, nonchè migliorare il Piano Energia Clima (PNIEC) per prepararci all’innalzamento dell’obiettivo di riduzione al 2030. È assolutamente necessario che l’Unione Europea assuma una decisione al piu presto, a questo riguardo, impegnandosi a ridurre le emissioni del 65% entro il 2030. In questo modo si potrà anche influire nel modo giusto, vale a dire con l’esempio e non con la retorica, sulla conferenza sul Clima COP26 del prossimo anno, conferenza che peraltro vedrà l’Italia protagonista".  

Tommaso Tautonico
autore

condividi su

Articoli correlati
  • emissioni
    Leggi
    30/03/2017 - 11:13
    Ambiente
    Italia fanalino di coda in UE per riduzione emissioni

    Secondo uno studio del Carbon Market Watch e Transport & Environment l'Italia è fanalino di coda nel raggiungere i tagli di emissione di CO2 previsti dall'accordo di Parigi.

  • Leggi
    01/01/2013 - 01:00
    Ambiente
    Piano nazionale di riduzione emissioni Co2 e gas serra

    Wwf: "Un primo passo importante, ma occorrono visione, obiettivi ambiziosi e strategia a medio e lungo termine". Il Presidente del Consiglio e il Governo assumano l'orizzonte di una strategia low-carbon nell'interesse dell'Italia e non solo dell'ambiente.

  • Leggi
    01/01/2013 - 01:00
    Ambiente
    Clima: triplicare gli sforzi per la decarbonizzazione

    Il Climate Policy Tracker, un nuovo strumento di monitoraggio lanciato oggi dal WWF e da Ecofys a pochi giorni dal Summit sul clima, Cop16, che si terrà dal 29 novembre al 10 dicembre a Cancun, in Messico, rivela che siamo lontani dagli obiettivi proposti.

  • target rinnovabile
    Leggi
    19/12/2017 - 16:34
    Rinnovabili
    Energia: consiglio UE ignora invito a portare target rinnovabile al 30%

    Greenpeace fa sapere che il Consiglio europeo ha adottato l'accordo preliminare sul pacchetto energia “Clean Energy for All Europeans”. La brutta notizia è che la proposta di innalzare al 30% la produzione di energia da fonti rinnovabili è stata ignorata.