01/01/2013 - 01:00

CircOliamo: parte a Bari la campagna degli oli usati

E' in partenza a Bari "CircOLIamo 2011-2012", la campagna educativa itinerante che in due anni toccherà tutte le province d'Italia con l'obiettivo di sensibilizzare l'opinione pubblica sul corretto smaltimento dei lubrificanti esausti, considerati dalla legge "rifiuti pericolosi".
Oltre 3.273 tonnellate di oli lubrificanti usati raccolte nella Provincia di Bari nel 2010, su un totale di 8.763 tonnellate recuperate nell'intera Regione Puglia. Sono i dati resi noti dal Consorzio Obbligatorio degli Oli Usati nella conferenza stampa che si è tenuta a Bari nella Sala Consiliare del Comune - alla presenza di Maria Maugeri, consigliere incaricato del Sindaco all'Ambiente, dell'assessore all'Ambiente della Provincia di Bari Giovanni Barchetti, del dirigente dell'Ufficio Gestione Rifiuti della Regione Puglia Antonietta Riccio e dell'ing. Paolo Tomasi, presidente del COOU - nell'ambito di "CircOLIamo 2011-2012", la campagna educativa itinerante che in due anni toccherà tutte le province d'Italia con l'obiettivo di sensibilizzare l'opinione pubblica sul corretto smaltimento dei lubrificanti esausti.
L'olio lubrificante usato è ciò che si recupera alla fine del ciclo di vita dei lubrificanti nei macchinari di fabbriche e industrie, ma anche nelle automobili, nelle barche e nei mezzi agricoli. Definito dalla legge "rifiuto pericoloso", deve essere smaltito correttamente.

Maria Maugeri ha espresso grande apprezzamento per l'iniziativa: "Non è facile - ha sottolineato - raggiungere i livelli di efficienza del Consorzio, e per questo motivo auspichiamo che l'attività del COOU diventi una buona pratica da imitare". Mentre Paolo Tommasi ha evidenziato che il messaggio che il consorzio intende comunicare riguarda da un lato i pericoli che possono derivare dal contatto con i lubrificanti usati o dalla loro dispersione nell'ambiente, dall'altro i vantaggi per il sistema Italia che derivano dal riutilizzo degli stessi oli esausti. Salvare l'ambiente e al contempo aiutiamo il Paese a risparmiare nelle importazioni di petrolio".
L'olio usato, infatti, può costituire un'importante risorsa economica per il nostro Paese, perché può essere rigenerato e tornare a nuova vita con le stesse caratteristiche del lubrificante da cui deriva; negli ultimi anni il riutilizzo dell'olio lubrificante ha consentito un risparmio complessivo di circa 2 miliardi di euro sulle importazioni di petrolio del nostro Paese.

In 27 anni di attività il COOU ha raccolto più di 4 milioni di tonnellate di olio usato, evitandone così la dispersione. Se utilizzato in modo improprio l'olio usato può essere estremamente dannoso per l'ambiente e per la salute umana: basti pensare circa 4 kg d'olio - il cambio di un'auto - se versati in acqua sono in grado di coprire una superficie grande quanto un campo di calcio.
Per consultare il programma delle giornate www.comune.bari.it
Marilisa Romagno
autore

condividi su